Ai triestini Taglialegne e Versolatto la Coppa Italia Uniqua 420

Quattro prove disputate con la Bora, 110 gli equipaggi al via

Quattro prove e vittoria “in casa” per la terza tappa di Coppa Italia della classe 420 Uniqua Italia, disputatasi tra venerdì e domenica a Trieste, per l’organizzazione della Società Velica di Barcola e Grignano e del CNT Sirena. 110 gli equipaggi al via, oltre duecento ragazzi e ragazze che hanno sfidato la Bora in un totale di quattro prove.

E quando il vento di casa comanda, gli equipaggi made in Trieste rispondono: la vittoria assoluta di tappa, infatti, è andata all’equipaggio misto composto da Luca Taglialegne e Silvia Versolatto della Svbg, che di refoli sotto il faro se ne intendono davvero molto. Secondo posto assoluto per i figli d’arte Federico e Riccardo Figlia di Granara (Circolo del Remo e Vela Italia), seguiti da Ruben Lo Pinto e Federico Bossi (LNI Mandello del Lario). Accanto al podio assoluto i risultati per categoria: nella Mixed, dove il gradino più alto del podio va a Taglialegne-Versolatto, secondo posto per Tommasso Cilli ed Helen Zerykier (Yacht Club Sanremo), il terzo a Mattia Tognocchi e Carolina Tonarelli (CV Antignano). Per quanto riguarda i team femminili, vincono Roberta Bocchini e Speranza Savella (Circolo del Remo e Vela Italia), seguite da Arianna Gargia e Silvia Galuppo (YCI) e Carolina Terzi e Viola Gentili (YC Sanremo). I fratelli Figlia di Granara guidano la classifica Under 19, seguiti da Bocchini-Savella, al terzo posto invece figurano Orlando Reginato e Marcello Miliardi (YC Antignano). Infine i più giovani: tra gli Under 17 in testa Flavio Fabbrini e Salvatore Peluso Gaglione ( Remo e Vela Italia), al secondo posto Camilla Ivaldi e Gregorio Penso (CV Ravennate), terzi Gabriele Venturino e Filippo Vulcanile (YC Italiano).

“E’ stato un bell’evento – ha dichiarato il presidente della Svbg Mitja Gialuz – assieme al Sirena abbiamo organizzato una regata nazionale con l’obiettivo di dare a giovani ragazze e ragazzi la possibilità di misurarsi sul nostro campo di regata in totale sicurezza, a terra e in mare. E’ stato molto positivo ritrovare nei nostri circoli l’agonismo, lo spirito sportivo e vedere tanti giovani pronti a misurarsi in mare su una barca splendida e formativa, quale il 420. Svbg e Sirena lavorano da anni in sinergia, e questa regata resterà il nostro simbolo della ripresa. Non appena possibile avvieremo l’attività agonistica dell’altura, e in questo caso in partnership con il circolo della vela di Muggia. Per uscire da questo periodo difficile dobbiamo fare squadra con tutti i Sodalizi velici del golfo: lavorare assieme e mettere a fattore comune il know how di ognuno, per costruire una stagione velica di alto livello”.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti