America’s Cup, Luna Rossa vince gara 5: È 3 a 2 contro ETNZ

Sull’acqua, prima di regata 5, c’erano decine di barche degli spettatori ancorate lungo i confini del campo ed era una scena spettacolare. Nei minuti precedenti la sequenza di partenza, la velocità media del vento era intorno ai 7-8 nodi, appena sopra la media minima di 6,5 nodi richiesta per le regate. 

Nel pre-start, dopo una fuga verso il lato destro del box, entrambe le barche si sono trovate in anticipo e costrette a rallentare fino a cadere dai foil.  Luna Rossa però è riuscita a restare veloce e sottovento, mentre New Zealand in una posizione sopravento era troppo vicino alla linea e ha rallentato troppo. Il risultato è stato che mentre gli italiani hanno fatto una partenza pulita con il timing giusto, i kiwi hanno faticato e sono stati costretti a virare sulla linea verso il lato destro del campo lasciando a Luna Rossa la sinistra, dove per tutta la regata ha soffiato un vento migliore.  Pochi minuti dopo la partenza il vantaggio italiano era già di 250 metri. Quando Luna Rossa Prada Pirelli si è avvicinata al cancello 1, il vantaggio non sembrava sufficiente ad assicurare il risultato, si sono sentiti  Spithill e Bruni hanno discutere la tattica per il primo giro di boa. 

Non voglio strambare troppo presto perché voglio dargli fastidio nella parte superiore” ha detto Bruni con la volontà di aggiungere problemi ai Kiwi lasciandoli per qualche secondo nell’aria turbolenta. Gli italiani dopo la bolina avevano guadagnato un vantaggio di 32 secondi. Al cancello di poppa la differenza era esattamente la stessa. Questo sembrava suggerire che la velocità  delle due barche fosse del tutto simile e che la distanza tra loro era il risultato di un errore alla partenza. Al secondo cancello di bolina gli italiani erano ancora in testa, ma Emirates Team New Zealand era riuscito a recuperare 10 secondi.  Al cancello dopo l’ultima bolina  i Kiwi avevano ancora una volta recuperato per arrivare a 23 secondi.

Luna Rossa si è difesa bene lungo la poppa cedendo qualche secondo e ha vinto con 18 secondi di vantaggio, conquistando la terza vittoria nella 36a America’s Cup.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti