Parigi 2024: Le novità sulle classi olimpiche

Da Londra, dove si sta tenendo il Mid-Year Meeting di World Sailing, arrivano decisioni sugli eventi olimpici di Parigi 2024. Il consiglio federale di World Sailing ha votato la proposta 22/18 (nella foto) che conferma il Windusurf, la deriva in doppio (presumibilmente 470) in equipaggio uomo-donna e salva il singolo pesante (presumibilmente Finn) combinato ad una deriva da scegliere per le donne. La grande novità è che entra il Kiteboarding con un evento da definire che impegnerà uomini e donne.

Le altre classi non erano sotto revisione e restano invariate, in attrezzature e formato, quindi Laser Standard e Radial, 49er, FX e Nacra 17. Queste decisioni dovranno essere ratificate da World Sailing all’Annual Meeting di novembre 2018, e in questi mesi saranno fatte ulteriori valutazioni.

Francesco Federvela Ettorre – Presidente FIV:“Gli obiettivi che c’eravamo posti prima del Mid-Year meeting sono stati raggiunti, siamo molto soddisfatti per essere riusciti a salvaguardare la filiera che c’è in Italia per quel che riguarda le tavole a vela e il 470, bisognerà gestire il cambio culturale con l’ingresso del doppio misto ma inizieremo da subito. Ieri sera abbiamo presentato la tappa di World Cup Series di Genova e abbiamo fatto un’ottima impressione: i punti di forza sono stati soprattutto la logistica, l’organizzazione a terra e l’innovazione degli spazi al chiuso per le imbarcazioni. Sono molto soddisfatto perché come Federazione siamo arrivati a Londra molto compatti e abbiamo ottenuto quello che ci eravamo preposti.”

Walter Cavallucci – Consigliere World Sailing:“E’ stata una giornata veramente intensa, siamo stati in consiglio per più di 12 ore per la quantità di submission che abbiamo dovuto valutare. Il consiglio si è bloccato su alcune votazioni e abbiamo dovuto iniziare da capo il lavoro che era stato fatto dall’Events Committee. Siamo partiti da oltre 60 proposte per arrivare a 15 dopo la prima scrematura, alla fine ne erano rimaste 3 sul tavolo la 18, la 22 e la 36 e siamo infine riusciti a far passare la 22 che era la più vicina ai nostri obbiettivi. L’impressione che ho avuto alla fine della votazione è che il board purtroppo non ha mostrato un’unità di intenti e si sarebbero potuti avviare meccanismi non controllabili, questo non è successo perché abbiamo lavorato bene anche se la governance ha dato segnali di non compattezza.”

Mirco Babini- Presidente IKA (International Kiteboarding Association):“Siamo felicissimi, non ho dormito tutta la notte per l’emozione, è stato un lungo percorso iniziato anni fa ma non ci siamo mai persi per strada. L’obiettivo raggiunto del Kite come disciplina olimpica a Parigi 2024 è il risultato di anni di lavoro, abbiamo dato dimostrazione alla comunità velica di affidabilità e capacità organizzative. Il Kiteboard potrà dare valore aggiunto a tutto il movimento, soprattutto alle Federazioni minori che con un budget limitato potranno partecipare all’avventura olimpica.”

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti