Deposito GPL a Chioggia, quali rischi per il diporto e la nautica?

Il mondo della nautica attende in silenzio.

Il riferimento è al nuovo deposito di GPL che da qualche tempo oramai è in costruzione a Chioggia – località Punta Colombi – la stessa dove secondo alcuni progetti originari doveva sorgere il nuovo mercato ittico prima ed un semplice distributore di carburante navale poi.

Tra le tante polemiche – e altrettante sono ancora in corso – sollevate dal Comitato no gpl, così come quelle nate trasversalmente dalla politica, ma anche dal mondo dell’imprenditoria o da settori come la pesca ed il porto, l’unica voce a non esprimersi è stata quella della nautica.

Dando per assodato che oramai il deposito si farà, ad oggi non è assolutamente facile dire quali rischi e quali modifiche regolamentari andranno ad interferire con il mondo della nautica, ed in modo particolare la navigazione all’interno del Porto di Chioggia.

La normativa cui fare riferimento in questi casi è il ‘Regolamento per la navigazione, la sosta, gli accosti, la precedenza negli stessi del porto di Chioggia’ ordinanza nr. 20 del 2011, all’interno della quale però non vi è nessun riferimento circa la possibilità di ingresso all’interno del porto di navi gasiere. Navi gasiere che – è giusto ricordare – avranno delle dimensioni di circa 100metri, per un totale di un paio di navi mensili in arrivo.

Resta da attender e a questo punto le modifiche all’attuale regolamento da parte della Capitaneria di Porto di Chioggia, attese per la prima metà del 2017.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti