Rolex Sydney Hobart Yacht Race: Vincitori e vinti

Senza dubbio, la 76a Rolex Sydney Hobart Yacht Race non ha tradito le attese ma anzi, ha mantenuto la formidabile reputazione dell’evento. È stata una gara di due metà decisamente diverse.

La prima si è rivelata essere una prova punitiva di resistenza fisica e perseveranza. La seconda parte invece ha messo in forte dubbio la resilienza mentale e la preparazione tattica.

Organizzata dal 1945 dal Cruising Yacht Club of Australia, con il supporto del Royal Yacht Club of Tasmania, la regata è partner di Rolex dal 2002.

L’anticipo della regata del 2021 è stato necessario viste le previsioni di forte vento da sud per le prime 24-48 ore che si combina con la corrente opposta per creare uno stato del mare minaccioso.

Le condizioni rigorose hanno sondato la debolezza delle attrezzature e della mentalità. Nonostante tutta la preparazione intensa e dettagliata all’interno della flotta di 88 barche, l’esame è stato così inesorabile che più di un terzo sarebbe stato costretto al ritiro.

Per coloro che ce l’hanno fatta, qualsiasi senso di sollievo è stato di breve durata con le fasi finali della gara che hanno creato una sfida più cerebrale.

Un modello meteorologico mutevole ha richiesto alle squadre di mettere insieme un complesso puzzle tridimensionale sull’acqua. Quando si naviga, la rotta più breve tra due punti è raramente una linea retta. Questo non è mai stato più vero che durante la Rolex Sydney Hobart di quest’anno.

La vittoria dopo il calcolo dei tempi compensati è andata al 52 piedi (15,85 metri) di Matt Allen Ichi Ban. Già vincitori nel 2017 e nel 2019, l’equipaggio australiano si è unito ad altri due yacht all’interno della leggenda della regata per ottenere tre vittorie ed è il primo, dopo Freya negli anni ’60, a sollevare la Tattersall Cup in regate consecutive. Secondo il proprietario vincitore, Matt Allen: “È incredibile far parte della storia e del tessuto della Rolex Sydney Hobart Yacht Race”.

Con 31 gare alle spalle, la prima nel 1980 a 17 anni, Allen ha molta esperienza. Riteneva che questa edizione avesse fornito un esame completo ed esteso della marineria: “La maggior parte delle gare a Hobart mettono alla prova l’intera barca e l’equipaggio, quest’anno più che mai. Le condizioni delle onde che abbiamo visto nelle prime 24 ore hanno davvero causato grossi problemi alle barche”.

Altrettanto avvincente è stata la regata per la line honours, con tre maxi 100 piedi (30,5 m) che hanno combattuto virtualmente per la lunghezza del percorso di 628 miglia nautiche. SHK Scallywag 100 ha condotto fuori dal porto, ma un problema di gestione della vela ha lasciato sfuggire le sue rivali. LawConnect ha poi scambiato il vantaggio con Black Jack, fino a quando il monegasco di Peter Harburg l’equipaggio australiano ha agito in modo decisivo con il vento leggero per costruire un vantaggio che è sopravvissuto a una deriva al cardiopalma sul fiume Derwent fino a Hobart.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti