Arca SGR si prende la Veleziana

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

A tagliare il traguardo per prima è stata l’imbarcazione ArcaSgr (Yacht club Adriaco), aggiudicandosi la vittoria della quattordicesima edizione della Veleziana. Una manifestazione record per la Compagnia della Vela, dato che ha raggiunto ben 220 imbarcazioni iscritte.

L’attaccamento alla regata che coniuga abilita tattiche, tecniche e spettacolo (l’arrivo in bacino di San Marco con la partenza dall’Adriatico) è sempre un colpo d’occhio non solo per i partecipanti, ma anche per gli spettatori, che dall’isola di San Giorgio e dalla riva degli Schiavoni poco distante da San Marco si sono soffermati a scattare fotografie e immortalare immagini uniche al mondo.

Il podio è stato completato da Portopiccolo (Portopiccolo) e Pendragon VI (Yacht Club Italiano), i quali hanno raggiunto la conclusione del percorso a breve distanza dal primo classificato.

La regata è stata caratterizzata da un bellissimo tempo, con il sole che si rifletteva sul mare regalando magnetici giochi di luce sull’acqua.
Alla partenza il vento si è attestato sui dieci-dodici nodi NordEst, favorendo il divertimento all’insegna dello sport.

«Siamo contenti di aver organizzato una regata così importante, con ben 220 imbarcazioni, quasi 1500 persone, riuscitissima in ogni sua parte. Abbiamo avuto una bellissima giornata dal punto di vista del meteo, spettacolare vedere la prima imbarcazione, Arca Sgr, sbucare da Sant’Elena attorniata dalle più piccole di vela al terzo (la tradizionale vela veneziana). Il succo della vera vela veneziana», ha esordito il presidente del circolo PierVettor Grimani.

Con un percorso ridotto, che ha consentito l’arrivo contestuale ai maxi “tirando bordi” alle barche più grandi, hanno preso parte all’evento anche le tradizionali imbarcazioni veneziane di “Vela al terzo”: «Esperienza decisamente positiva sia da un punto di vista tecnico-sportivo che coreografico, anche per valorizzare la tradizione velica lagunare e le emozioni che regala», afferma la presidente dell’Associazione Vela al terzo Marina Spinadin.

Contestualmente si è tenuta la gara finale della Coppa Italia Dinghy, che ha visto il coinvolgimento di una sessantina di imbarcazioni.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti