Vela Veneta

La 52 SUPER SERIES 2019 decolla da Mahòn

Inizia domani la stagione 2019 della 52 SUPER SERIES. La splendida cornice di Mahon e dell’isola di Minorca saranno lo scenario della prima tappa del circuito, il più combattuto di sempre. Quantum nel ruolo di defender ha già dimostrato di essere in buone condizioni, Azzurra e Platoon a caccia di risultati.

Parte da Mahòn la grande sfida per la 52 SUPER SERIES 2019, una stagione che si preannuncia tra le più scintillanti di sempre, complice una flotta di undici imbarcazioni mai così agguerrita, i lavori e le modifiche apportate alle barche si sono già notate a Palma, chiglie, vele, equipaggi rinnovati tra gli ingredienti principali. Con la practice race di oggi si sono aperti i box della Menorca 52 SUPER SERIES Sailing Week 2019, otto nazioni rappresentate, i migliori velisti al mondo per una competizione diventata punto di riferimento nella vela di altissimo livello su monoscafi, si aprono le danze: fate il vostro gioco. Per la cronaca, la regata di oggi è stata vinta da Gladiator di Tony Langley.

La stagione è stata inaugurata oggi con la practice race per concludersi a settembre in quel di Porto Cervo passando per Puerto Sherry, Cascais e Puerto Portals. Cinque eventi, quasi cinquanta regate senza nessuno scarto, ogni punto guadagnato sarà frutto di un mix di ingredienti: innovazione, esperienza, tecnologia, design, agonismo e tanta passione, valori fondamentali per affrontare la sfida verso la vittoria finale della 52 SUPER SERIES.

Guillermo Parada (ARG) skipper timoniere di Azzurra (ITA):“Siamo tutti molto concentrati sulla regata, vogliamo evitare gli errori commessi nei primi giorni di PalmaVela quando eravamo più focalizzati sulla messa a punto della barca che sulla nostra perfomance in regata. Sappiamo che sarà una settimana molto impegnativa per tutti, con salti di vento improvvisi e onda formata, andrà a vincere chi commette meno errori e terrà la miglior media. Dopo PalmaVela siamo venuti qui ad allenarci e pensiamo di poter fare bene”.

Alberto Barovier (ITA) manager di Bronenosec (RUS):“Certamente ci aspettiamo grandi risultati dalla barca nuova, abbiamo inserito degli ottimi elementi nel gruppo, una medaglia d’oro e altri grandi velisti oltre al nostro armatore-timoniere sempre in prima fila. La preparazione è stata intensa, ogni modifica del team della barca è fatta per il meglio e per raggiungere il massimo del risultato. Dobbiamo dare tutti il 100% per arrivare a dei grandi risultati. La barca va molto bene, oggi siamo andati rilassati nelle fasi di partenza, dobbiamo capire qual’è il reale valore della nostra barca. Vladimir ha iniziato un duro lavoro per raggiunger quel feeling ideale insieme a Morgan ed il resto del pozzetto.”

Nacho Postigo (ESP) navigatore di Provezza (TUR):“Inizia così un’altra grande stagione per noi. Abbiamo fatto molti lavori sulla barca, abbiamo effettuato qualche cambio e tutto questo, speriamo, possa portare dei frutti per questa stagione. Credo che le tre barche da battere rimangono ancora Quantum, Azzurra e Platoon, anche se ho visto bene Sled a Palma. Abbiamo fatto un buon allenamento a Valencia e regatato a Palmavela. La cosa incredibile è che un minimo errore può essere pagato con la perdita di cinque posizioni, questo è incredibile. Tutte le barche hanno migliorato in performances rispetto allo scorso anno e sarà dura essere la davanti. Dobbiamo migliorare la comunicazione a bordo, credo sia un processo evolutivo come ogni anno. Il campo di regata di Mahòn è molto difficile, è un campo molto aperto per le decisioni del tattico.”

Cronaca della giornata:

il primo start arriva alle 14.50, in ritardo sulla tabella di marcia, con direzione del vento dai quadranti meridionali leggeri e molto instabili, tutto questo di certo non permette di avere una parte lanciata. Ma da subito si capisce che il signor Baird al timone di Quantum Racing fa sul serio, partenza sul pin in timing perfetto, seguito da Bronenosec, alla sua prima regata ufficiale con la barca nuova. Provezza a Platoon sulla destra in barca comitato, i cancelli sono aperti, gli undici cavalli di razza son in gara. Gli americani sono in testa nelle prime fasi, seguiti da russi, ci si appresta al primo passaggio in boa della stagione 2019. Bronenosec, Quantum e Azzurra formano i terzetto di testa, Phoenix 11 di Hasso Platter ottima quarta, quinto posto per Alegre di Andi Soriano. Le sensazioni della vigilia dichiarate da Alberto Barovier sulle buone performance del nuovo Bronenosec calzano a pennello in questa prima prova, i russi girano in testa al gate davanti a Quantum, Azzurra e Phoenix 11. Gli americani dopo un ottima partenza perdono qualche posizione, al secondo passaggio di bolina, Baird e compagni sono sesti, davanti ci sono i russi di Vladimir Liubomirov, seguiti da un ottima Azzurra, Phoenix 11 e Alegre. Non cambia nulla nel secondo lato di poppa, la regata dei russi si chiude con la vittoria, chi ben inizia è a metà dell’opera, bene Azzurra, ottima seconda e il terzo posto per Phoenix 1q di Hasso Platter.

Alle 16.25 arriva il secondo start, è Sled a dare la miglior impressione con una buona partenza in barca comitato, bene Provezza, Platoon e Azzurra consistenti in pin. Proprio Azzurra, guidata da Guillermo Parada gira in testa al primo Mark, seguito da Platoon e Provezza, questa volta è Phoenix 12 di Tina Platter in buona posizione, quinta, Quantum e Bronenosec nelle retrovie. Cambia poco nelle prime posizioni, ottimo controllo di Azzurra su Platoon e Provezza. Buon recupero per Quantum Racing, posizionato in quarto posto, ottimo quinto posto per i francesi di Team Vision Futures. Una regata perfetta per Azzurra che porta a casa prima vittoria di questa stagione, un ottimo inizio con un secondo ed un primo posto, la famiglia Roemmers, da sempre in questo circuito, festeggia una bella prima giornata di regate e Mahòn. Si sono visti buoni spunti da parte di alcuni big, questa sera i primi briefing post regata per capire cosa cambiare e cosa migliorare. Azzurra, Platoon e Provezza, questo il podio delal seconda prova di oggi. Nella generale Azzurra è leader davanti a Platoon e Bronenosec.

Guillermo Parada (ARG) skipper timoniere di Azzurra (ITA):“Un ottima partenza per questa stagione che è appena iniziata e penso che sono molto felice del lavoro fatto, ci siamo allenati, abbiamo testato le vele, la barca, ci siamo confrontati sotto molti aspetti e questo è il risultato. Questa è una conferma che la barca va bene e abbiamo girato bene oggi. L’idea è quella di lavorare bene e di avere sempre una comune e precisa. Oggi la chiave è stata che la barca va molto bene e Santi e Cole hanno fatto un ottimo lavoro nella tattica e nella strategia, la parte sinistra del campo ci ha dato delle buone sensazioni, sopratutto nella seconda regata dove siamo riusciti addirittura a controllare bene la regate ed arrivare alla fine con due ottimi risultati che ci fanno ben sperare. Il team ha lavorato bene, siamo rimasti concentrati durante ogni fase della regata, ogni momento è stato affrontato con concentrazione. Il nostro focus è diretto al lavoro fatto bene, perchè se fai le cose bene, con i mezzi che abbiamo possiamo fare grandi cose.”

Carlo Castellano (ITA) Grinder di Phoenix 12 (RSA):“Nella prima prova non siamo partiti bene e siamo andati sempre un pò in salita, malgrado nelle manovre e nella velocità siamo stati soddisfatti. Siamo andati bene però nella seconda regata, abbiamo dato un buon passo alla barca, e il resto della regata è stato di qualità con un ottima prima poppa, una bella battaglia di strambate con Quantum, andando sempre con buon passo, per essere una barca vecchiotta ci siamo comportati più che bene, siamo molto felici così”.

Articoli relativi

Commenti