Campionati Italiani Giovanili in doppio, nulla di fatto nella prima giornata 

 

Si chiude con un nulla di fatto la prima giornata dei Campionati Italiani giovanili in doppio: i 300 equipaggi delle classi 420, L’Équipe Evolution, L’Équipe under 12, 29er, RS Feva, Hobie 16, Dragoon, 555 Fiv, Feva under 12, sono stati accolti da uno splendido sole a Loano ma, proprio quando la termica stava per entrare, dei grossi nuvoloni sono arrivati dai monti bloccando il vento.

Usciti intorno alle 13.00, gli equipaggi sono stati fatti rientrare poco prima delle 16, con l’issata dell’intelligenza su Alfa – il segnale con cui si comunica che oggi non ci saranno altre regate – e con la speranza che nei prossimi tre giorni le condizioni migliorino e si possano disputare le prove necessarie a dare validità ai Campionati Italiani giovanili in doppio 2018.

Questa mattina in banchina e sulla spiaggia i ragazzi raccontavano ancora della splendida accoglienza ricevuta ieri sera sulla terrazza dello Yacht Club Marina di Loano: “il nostro impegno e il nostro lavoro quotidiano si fondano sulla base di una grande passione per il mare in tutte le sue manifestazioni – dichiara Uberto Paoletti, Direttore della Marina di Loano – Per me personalmente, inoltre, la vela oltre che una passione è stata una scuola di vita e una tradizione di famiglia. Come Marina di Loano siamo orgogliosi di dare supporto organizzativo e logistico ai Campionati Italiani Giovanili di Vela in Doppio. Lo faremo a 360° da professionisti del settore e da appassionati nello stesso tempo. Vedere una risposta così importante in termini di partecipazione da parte di tanti giovani atleti, ci da un’ulteriore motivazione.”

Domani la partenza delle regate sarà anticipata alle 11 con le previsioni che parlano di cielo coperto e possibili precipitazioni nel pomeriggio. Alle 10, invece, presso il Centro Federale di Alta Specializzazione a Loano, si terrà l’incontro su “Doping: manteniamo le distanze” a cui interverranno Maria Rosaria Squeo, dell’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI, e Mauro Favro, Presidente della Commissione Antidoping della FIV.

 

Lascia un commento