The Ocean Race si prepara ad un cambio di marcia: nuove sfide nella Leg 2 per gli IMOCA

La regata da Capo Verde a Città del Capo sarà all'insegna delle transizioni

Dopo una settimana di alisei forti a Capo Verde, le previsioni per l’inizio della Leg 2 sono molto più favorevoli: venti leggeri da NE tra i 5 e gli 8 nodi.

In realtà, l’indebolimento degli alisei potrebbe avere un impatto sulla flotta fino ai doldrums, l’area delle calme equatoriali, con i famosi venti leggeri e le violente celle temporalesche, che renderanno affascinante, anche se lento, l’inizio della tappa.

“Per prima cosa dovremo gestire il sottovento delle isole, che sono molto alte e il vento è previsto leggero”, ha detto Robert Stanjek, skipper di GUYOT environnement – Team Europe.

“Pare che dovremo dirigerci verso ovest per essere in grado di attraversare la bonaccia. Questa è l’opzione conservativa. Quindi questi sono i primi giorni”.

“Con l’esaurirsi degli alisei, l’area di bonaccia diventa un po’ più grande”, ha commentato Simon Fisher dell’11th Hour Racing Team. “Sono tre o quattro giorni per arrivare lì e gli alisei dovrebbero ricostituirsi di nuovo. Uscire da qui e iniziare la fase di ripresa in modo efficiente è molto importante”.

La partenza della Leg 2 è fissata alle 17.10 ora locale (19.10 ora italiana), ovvero circa 90 minuti prima del tramonto, quindi gli equipaggi inizieranno quasi subito il primo turno di guardia notturno.

Ma con tutte le transizioni previste nei primi giorni, è probabile che ci siano molte manovre e che sarà difficile riuscire a riposare.

“La prima parte della regata sarà molto tattica e ci saranno molte opportunità, quindi dovremo essere tutti molto attivi fin dall’inizio”, ha dichiarato Will Harris, che sarà lo skipper di Team Malizia per la seconda tappa.

Quattro dei cinque team hanno effettuato sostituzioni di equipaggio, mentre Biotherm di Paul Meilhat è l’unico team che intende partire con la stessa formazione della prima tappa.

“Credo sia importante avere lo stesso equipaggio perché abbiamo molte cose da imparare”, ha detto Meilhat. “Se cambiamo la minima parte delle impostazioni, in questo caso anche le persone, è più facile vedere gli effetti e imparare”.

Per il vincitore della prima tappa, Kevin Escoffier su Holcim-PRB, si tratta di continuare a fare le cose che hanno spinto il suo team a ottenere il massimo dalla barca e arrivare alla vittoria.

“Sappiamo da tempo che la barca è abbastanza veloce, o almeno competitiva con le altre”, ha detto Escoffier. “La cosa più importante è che sono molto soddisfatto dell’equipaggio. Per noi era la prima volta che navigavamo insieme in mare aperto. Ci siamo divertiti molto a bordo. L’umore era davvero buono. E allo stesso tempo abbiamo ottenuto un buon risultato. Ma era la prima. Non significa nulla. C’è ancora molto da fare e ci concentriamo sulla prossima”.

In Italia sarà possibile seguire la partenza in diretta su Eurosport 1 e Discovery+ dalle 19.10. 

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti