Nella “RS21 Cup Yamamay” act 2 di San Remo la rivincita di Pietro Negri e “Stenghele”

Nel Mar Ligure di Ponente, Pietro Negri, si è preso la rivincita nella seconda tappa del circuito nazionale di vela “RS21 Yamamay Cup”. L’armatore dell’RS21 “Stenghele”, secondo ma a pari punti con il vincitore nella regata d’apertura a Porto Ercole, è stato invece il protagonista assoluto a San Remo nell’Act2 organizzato dal locale Yacht Club con la professionalità di sempre. Purtroppo il poco vento non ha permesso lo svolgimento di tutto il programma ma le tre prove disputate sono state combattute e incerte sino alla fine.

Negri – che a San Remo ha potuto contare sull’apporto di Matteo Ivaldi oltre che di Giovanni Meloni al timone e Camilla Cordero di Montezemolo – ha conquistato due delle tre prove disputate che, con anche un secondo posto, gli hanno permesso di vincere con ampio vantaggio sul secondo classificato. 

Un successo tra l’altro importante perché ha portato “Stenghele” al comando ella classifica provvisoria Open (velisti professionisti di Gruppo 3 élite) della “RS21 Yamamay Cup”.

Al secondo posto “Caipirinha”, Campione d’Europa in carica, di Martin Reintjes – con Giulio Desiderato, Francesco Rubagotti e Alberto Bolzan – al rientro in classe dopo aver disertato il debutto di Porto Ercole. Per loro la vittoria in prova tre e due piazzamenti: sesto e terzo posto parziali. 

Il terzo gradino del podio è andato invece a “Diva” della famiglia Battistella con al timone Andrea e in equipaggio Ferdinando Battistella, Francesco Gabbi e Karlo Hmeljak. Per loro un secondo, un quarto e un quinto posto, ma soprattutto sono arrivati buoni segnali di crescita del gruppo. Nella prossima tappa di Rimini è già annunciata una barca in più del team per una sfida in casa Battistella: padre contro figlio.

Sfortunato a San Remo il vincitore della tappa d’apertura, Gianluca Grisoli al timone di “Beyond Freedom”, che per un solo punto si è dovuto accontentare questa volta del quarto posto pur disputando ottime prove e pagando forse nella prova conclusiva le condizioni di vento debole. 

In crescita, con un nuovo “gioco” di vele, Davide Casetti presidente dell’Italian Class RS21 con il suo “Hidrogeno 21” che ha sfiorato il podio nell’ultima prova.

Nella graduatoria “Corinthian” (velisti di Gruppo 1, non professionisti) successo per “Stick N’ Poke” di Federica Archibugi (con Gabriele Rosati d’Amico, Filippo Baldassari e Matteo Morellina) brillante quinta assoluta. Ha preceduto “Code Zero Sailing Team” di Vincenzo Liberati (stoico al timone con un menisco rotto…) e Michele Voghi con il suo “Spitfire”. Nella classifica generale Corinthian, dopo due ACT, Liberati mantiene il comando ma con soli tre punti sull’Archibugi: sarà lotta. 

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti