Emirates Team New Zealand vara il tender alimentato ad idrogeno

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Emirates Team New Zealand ha varato oggi ad Auckland il suo prototipo di tender foiling a idrogeno con il membro del team Andrea Joy che ha battezzato la sua “Chase Zero” davanti al team più ampio.

Chase Zero è la prima barca ad essere varata in questo ciclo di Coppa America e si spera possa gettare le basi di un cambiamento verso un futuro più pulito e sostenibile nella motonautica in tutto il mondo.

“Spero che potremo guardare ad oggi come all’inizio di una rivoluzione del motoscafo a idrogeno”, ha affermato Sir Stephen Tindall, ambasciatore della sostenibilità di ETNZ e sostenitore del progetto, prima che la barca venisse portata in acqua per la prima volta.

Dopo la vittoria dell’ America’s Cup 36, ottenuta anche grazie all’inovazione proposta nel monoscafo AC75, Grant Dalton, CEO di Emirates Team New Zealand, ha dichiarato: “E poi? Come possiamo continuare a spingere i confini dell’innovazione e della tecnologia utilizzando le persone e la tecnologia disponibili in ETNZ?

Con la classe AC75 già impegnata per la prossima Coppa America e con una continua spinta verso un futuro più sostenibile, l’attenzione si è rapidamente spostata sui tender. Durante la misurazione delle emissioni di carbonio delle squadre nell’ultima campagna per ottenere la certificazione carbonzero, era ovvio che i tender contribuissero in modo considerevole alle emissioni complessive.

E così è nata la fissazione per le barche alimentate a idrogeno. La consultazione iniziale ricevuta ha suggerito che questo non era il progetto di 12 mesi che il team stava cercando.

“Ci è stato praticamente detto che qualcosa di così audace come Chase Zero avrebbe richiesto 3,5-4 anni, ma questo ci ha effettivamente richiesto poco più di 9 mesi“. ha detto il responsabile del progetto Geoff Senior.

Di certo non ci aspettavamo di lavorare così intensamente subito dopo AC36. Ma immagino che sia solo una parte della nostra cultura e del modo in cui lavoriamo al meglio in Emirates Team New Zealand, quindi è piuttosto eccitante arrivare a questa fase, un’enorme pietra miliare per il team.È stato un grande sforzo far costruire la barca presso la nostra struttura di costruzione e poi è stato uno sforzo enorme da parte del team di allestimento qui alla base, semplicemente inserendo tutti questi componenti del gruppo propulsore e tutti i rispettivi componenti hardware. Non credo che ci rendiamo conto di quanto sia significativo. Penso che non ci siano quasi altre barche come questa in giro. Le prossime barche come questa sono ancora molto lontane, quindi penso che una volta che sarà in acqua e in funzione, ci renderemo conto di quanto sia importante sulla scena mondiale”.

È vero che progetti come questo non accadono e basta, Chase Zero, che navigherà a 35 nodi con una velocità massima di oltre 50 nodi, è il culmine del contributo collettivo del team e di diversi partner vitali.
Richard Meacham, che si è rivolto al team e ai partner al lancio, ha dichiarato: “Non sono solo le persone di questo team, ma i partner e le relazioni che abbiamo che ci consentono di fare ciò che facciamo. E quando il concetto e il piano pazzeschi sono stati suggeriti ad alcuni dei nostri partner qui oggi, non hanno fatto un passo indietro. C’era accordo sul fatto che se qualcosa non è difficile, allora non vale la pena farlo. Toyota, Gurit Composites, Global Bus, tra gli altri, hanno tutti contribuito in modo massiccio a Chase Zero a modo loro”.

Toyota, partner di Emirates Team New Zealand da oltre 30 anni, ha svolto un ruolo significativo nel facilitare l’acquisizione delle due importantissime celle a combustibile.

Neeraj Lala, CEO di Toyota NZ, ha dichiarato: “Stiamo supportando i nostri partner a lungo termine, Emirates Team New Zealand, fornendo loro il sistema di celle a combustibile a idrogeno come un modo per studiare le diverse applicazioni di questa tecnologia a emissioni zero. Abbiamo ottenuto da Toyota Motor Corp. due prototipi per la prova ETNZ che erano ancora nella fase di pre-produzione“.

Siamo entusiasti di vedere la barca andare in acqua come dimostrazione delle capacità della tecnologia a idrogeno di Toyota. Toyota è impegnata nell’aiutare a far progredire la tecnologia dell’idrogeno e il suo sviluppo in Nuova Zelanda attraverso partnership commerciali, come la nave da caccia a celle a combustibile ETNZ, sotto il nostro banner Toyota Hydrogen Projects“.

Chase Zero attraverserà ora un’ampia fase di messa in servizio e test in banchina nel corso della prossima settimana circa, testando e facendo funzionare i sistemi prototipo prima di essere liberato nel porto di Waitematā nelle prossime settimane.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti