Marina Militare Nastro Rosa Veloce: Rallentano in testa, la gara si riapre

Rallenta, e non poco, Team Urban Value (Sophie Faguet-Pierre Leboucher), leader del Marina Militare Nastro Rosa Veloce-Fincantieri Cup, la regata no-stop più lunga del Mediterraneo organizzata da Difesa Servizi S.p.A., SSI Events in collaborazione con la Marina Militare. Doppiato Capo Passero sfruttando freschi venti meridionali, Faguet-Leboucher hanno dovuto fare i conti con una vasta zona di aria pressoché assente, faticando non poco per passare il gate di Licata, raggiunto alle 8.45 di questa mattina.

Proprio tra Licata e Marina di Palma, Team Urban Value ha rallentato ulteriormente e ha visto il suo vantaggio diminuire non tanto su Team Venezia Salone Nautico (Cecilia Zorzi-Alessandro Torresani), sempre secondo a 19 miglia dal leader e il cui avanzamento è complicato dai margini della stessa bolla in cui è finito il binomio francofono: ad avvicinarsi, dimezzando un ritardo che meno di 24 ore fa era di circa 60 miglia, è stato Team Softway (Pam Lee-Andrea Fornaro), giunto in velocità a Capo Passero grazie allo stesso vento “navigato” da Team Urban Value.

Mentre scriviamo, Zorzi-Torresani e Lee-Fornaro, separati da 8 miglia al traverso di Pozzallo, avanzano faticosamente alla volta di Licata, bordeggiando tra refoli sempre più evanescenti con un VMG di poco superiore ai 2 nodi.

Più indietro, all’altezza di Locri, quindi a 160 miglia dai battistrada, interessante è la regata nella regata che vede protagonisti Marina Militare (Elisabetta Maffei-Federico Piani), attualmente al quarto posto grazie alla scelta di seguire la rotta più breve alla volta di Capo Passero, e Team Acone (Catherine Hunt-Alexis Thomas), Team Sanfer (Maggie Adamson-Matteo Ichino) e Team ENIT (Irene Bezzi-Pietro D’Alì). Navigando in gruppo a meno di mezzo miglio l’uno dall’altro, i tre hanno scelto una rotta meridionale per raggiungere il vento da sud-est che, seppur in diminuzione, soffia con maggior intensità non troppo lontano da loro.

Sono invece transitati da poco attraverso il gate di Crotone l’Aeronautica Militare (Margherita Digrazia-Giancarlo Simeoli) e Team Genova The Ocean Race (Dominique Knuppel-Guillerno Altadill) che, in ritardo di 180 miglia rispetto a Team Urban Value, anticipano di oltre 50 miglia Team Fratelli Visconti (Lisa Berger-Alex Laline), messo fuori gioco dalla rottura della randa occorsa durante il secondo giorno di regata e dalla successiva sosta resasi necessaria per effettuare le riparazioni del caso.

Lungo il tragitto da Crotone a Licata, molti sono i Fari che le imbarcazioni si sono lasciate alla propria destra. Si tratta di “gioielli del mare” che sono stati e/o saranno recuperati e sottratti al degrado, grazie a un progetto imprenditoriale innovativo e sostenibile, nel pieno rispetto della tutela e salvaguardia del territorio.

Parliamo del progetto Valore Paese – Fari, a cui intende valore il Marina Militare Nastro Rosa, un’iniziativa promossa per la prima volta nel 2015 dall’Agenzia del Demanio e dal Ministero della Difesa, tramite Difesa Servizi Spa, per proporre al mercato fari di proprietà dello Stato e beni della Difesa mediante lo strumento della concessione di valorizzazione secondo un modello di lighthouse accommodation, rispettoso del paesaggio e in linea con le identità territoriali e con la salvaguardia dell’ecosistema ambientale. L’obiettivo è quello di dar vita anche in Italia, come già accade in altri paesi, ad un circuito che consenta di sviluppare una forma di turismo sostenibile, legato alla cultura dell’ambiente e del mare, anche in ottica di cooperazione tra i paesi del Mediterraneo. Scopo principale del percorso di valorizzazione è recuperare i beni e renderli fruibili alla cittadinanza, avviarli a rigenerazione contribuendo ad attivare lo sviluppo economico e sociale dei territori.

Il Faro di Punta Stilo, situato su un’altura affacciata su una strada costiera, a poca distanza da Monasterace, in provincia di Reggio Calabria.
Il Faro di Capo Mulini è situato nel Comune di Acireale (CT), nella splendida cornice del Golfo di Catania, in un contesto paesaggistico di grande interesse.

Il Faro di Riposto si trova a Riposto in provincia di Catania.
Il Faro Dromo Caderini, situato nella Sicilia meridionale, al centro della costa del golfo di Siracusa, a poca distanza dal centro urbano è inserito all’interno di una riserva naturale marina.
Il Padiglione Punta del Pero si trova a Siracusa. Costruito all’inizio del secolo scorso si trova nella contrada Maddalena.
Il Faro di Brucoli ad Augusta (SR), posto a ridosso dell’antico Castello della Regina Giovanna, si trova sulla punta di una lingua di terra che ospita il borgo marinaro di Brucoli, situato tra Catania e Siracusa e caratterizzato dalla presenza di un suggestivo portocanale, in un ambiente geografico unico che si distingue per le sue particolari valenze storiche e naturalistiche, nonché per le testimonianze archeologiche di grande importanza.
Il Faro di Murro di Porco a Siracusa (SR), si trova nel cuore della penisola del Plemmirio, lungo la costa a sud di Siracusa, polo culturale del Mediterraneo da sempre distinto per storia e natura, in un contesto di grande pregio paesaggistico caratterizzato da scogliere che si presentano come vere e proprie sculture naturali e da grotte marine con importanti reperti archeologici che si possono scoprire immergendosi negli stupendi fondali.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti