Barcolana, 12 gli interventi della Guardia Costiera e 41 persone soccorse

Si stanno concludendo le operazioni sul campo di regata di Barcolana 53; ormai non sembrano più esserci imbarcazioni in mare, ma in ogni caso la Guardia Costiera effettuaterà un’ultima “spazzata” di controllo tramite le motovedette e l’elicottero, nonché dai mezzi delle altre forze di polizia e dei vigili del fuoco coordinati dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Trieste.

Gli interventi di soccorso e di assistenza quest’anno sono stati numerosi, a causa delle impegnative condizioni del mare e del vento, ma il numero alla fine molto limitato di concorrenti ha evitato i pericoli maggiori tipici della regata, che sono sempre legati all’affollamento della linea di partenza e alle conseguenti collisioni.

L’incidente più grave è avvenuto nel centro del campo di regata, in prossimità della prima boa; il conduttore di un’imbarcazione a vela slovena di 10 metri, con sei persone a bordo, pare a seguito di una collisione con un altro concorrente, non è più riuscito a governare la propria unità, che ha incominciato ad imbarcare acqua e ad affondare. Nei pressi si trovava la motovedetta CP 310, che ha raggiunto il luogo dell’incidente recuperando i sei naufraghi quando la loro imbarcazione era ancora semiaffondata; poi è intervenuto il nucleo subacquei dei Vigili del Fuoco, che sono riusciti a posizionare un gavitello collegato all’unità affondata, per consentirne un eventuale successivo recupero e per l’emissione di un preciso avviso urgente ai naviganti.

Un settimo naufrago, caduto da un’imbarcazione poco dopo la partenza, è stato recuperato dal Delfino Verde che transitava nelle vicinanze del luogo dell’incidente. Si sono subito avvicinati anche due mezzi della Guardia Costiera e l’unità a vela dalla quale il naufrago era caduto; un sanitario Opsa che si trovava a bordo del nostro mezzo di soccorso lo ha visitato, trovandolo in bone condizioni di salute, per cui ha potuto anche proseguire la regata.

Si è poi avuta notizia di un velista colpito violentemente alla testa dal boma della propria imbarcazione, che lo ha autonomamente portato a terra presso il molo G di Barcola, da dove gli è stato prestato soccorso da un’ambulanza del servizio 118.

Gli interventi di assistenza sono poi stati dodici, con un totale di 41 persone assistite : avarie al motore o al timone, rande rotte e alcune unità che hanno disalberato, ma in nessun caso danni alle persone.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti