Pesca abusiva, la Polizia metropolitana sorprende un barchino mentre raccoglie vongole senza autorizzazione nel canale Avesa

Nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto della pesca abusiva di prodotti ittici in laguna di Venezia, un equipaggio della Polizia metropolitana di Venezia è intervenuta ieri  lungo il canale Avesa in comune di Mira sorprendendo due persone a bordo di un natante che pescavano molluschi bivalvi con l’uso di rasca manuale, privi delle abilitazioni per la raccolta del prodotto.

Accertata la violazione,  gli agenti hanno proceduto al sequestro dell’imbarcazione e al motore unitamente ad oltre 100 Kg. di vongole che sono state rigettate in acqua, in quanto ancora allo stato vitale.

Il natante e l’attrezzatura da pesca sono stati trasportati e custoditi in luogo idoneo a disposizione dell’autorità amministrativa competente, per la successiva confisca. Al proprietario del natante, un pescatore chioggiotto, è stata anche elevata una sanzione di 2mila euro. Lo stesso pescatore è risultato avere già dei precedenti per pesca abusiva di molluschi in zone vietate.

Articoli relativi

Commenti