Persico Marine da il “Benvenuto in Italia” agli equipaggi della Ocean Race Europe

Il celebre arm che ha fatto la storia della 36ª Coppa America e uno dei monotipi Persico 69F saranno gli ospiti d’onore dello stand di Persico Marine, uno spazio dedicato al pubblico e agli equipaggi per raccontare la propria evoluzione, la ricerca e sviluppo, le innovazioni tecnologiche, i progetti di sostenibilità e la storia delle grandi barche realizzate dal cantiere protagoniste della Ocean Race, delle più note regate oceaniche e della Coppa America: Persico Marine è stop over partner del gran finale della Ocean Race Europe e sarà presente a Genova dal prossimo 16 giugno.

È la prima volta – commenta Marcello Persico, presidente di Persico Marine e vicepresidente di Persico Group – che gli scafi della Ocean Race arrivano in Italia, e noi di Persico non potevamo non esserci. Abbiamo un forte legame con questo evento, da dodici anni lavoriamo assieme all’organizzazioneabbiamo costruito uno degli IMOCA in gara e l’intera flotta dei VO65. Siamo qui per dare il benvenuto alle barche e agli equipaggi, guardando insieme alla prossima edizione del giro del mondo in equipaggio. Sarà eccezionale veder navigare assieme gli IMOCA e i VO65”.

Delle dodici barche partecipanti alla TOR Europe, otto sono state prodotte da Persico Marine: si tratta di tutti e sette i VO65 in gara, realizzati tra il 2014 e il 2018, e LinkedOut, uno degli IMOCA in regata, recente protagonista nell’ultima edizione del Vendée Globe con Thomas Ruyant al timone.

PERSICO MARINE E LA OCEAN RACE – Il legame tra la Ocean Race e Persico Marine è iniziato ben 12 anni fa. Nel 2010 Persico Marine si avvicina alla più famosa regata oceanica intorno al mondo in equipaggio costruendo per Azzami – Abu Dhabi Ocean Racing un innovativo VO70 (design Farr) che competerà nell’edizione 2011-2012 della regata.

L’edizione successiva, la 2014-2015, vede Persico Marine assoluto protagonista, parte del consorzio chiamato a costruire lo scafo, le appendici e tutti i componenti chiave dei nuovi monotipi VO65 progettati sempre da Farr Yacht Design. Saranno ben sette gli scafi della classe monotipo VO65 presenti quell’anno al via e in quella edizione, nel 2015, Persico giocherà un ruolo chiave nel riportare in regata a tempo di record Team Vestas Wind dopo essersi spiaggiata lungo le coste di una piccola isola nell’Oceano Indiano, con una riparazione realizzata grazie a un grande lavoro di squadra e la perfetta organizzazione logistica, che ha permesso al team di tornare in regata nella tappa di Lisbona.

L’edizione 2017-2018 è storia recente della regata oceanica: Persico Marine realizza un nuovo VO65 per il Team AkzoNobel Ocean Racing, ed è fornitore per tutta la classe dei nuovi timoni. Nell’ultima edizione il cantiere mette a disposizione il proprio staff per fornire assistenza agli equipaggi nelle singole tappe. Nel 2018 il cantiere è protagonista della riparazione-record di Vestas 11th Hour Racing dopo una collisione con una barca da pesca al largo di Hong Kong: per rimettere in regata il team nella tappa di Auckland, Persico Marine costruisce un nuovo troncone di barca e lo invia ad Auckland dove lo installa.

GRAZIE GENOVA – Il forte legame che abbiamo con l’organizzazione della Ocean Race e con tutti gliequipaggi e gli shoreteam – ha detto ancora Marcello Persico – ci conduce oggi a Genova. Voglio ringraziare Richard Brisius, CEO di The Ocean Race, il sindaco di Genova Marco Bucci e tutti i componenti del comitato organizzatore per la lungimiranza e la possibilità di avere in Italia un evento così importante per la vela e per tutta la nostra industria. L’imprenditoria e le istituzioni italiane presenti in Coppa America e oggi anche nella Ocean Race danno un forte impulso a tutta la nautica e alle migliaia di posti di lavoro collegati all’ingegneria, alla progettazione, alla costruzione e alla ricerca della performance, unendo questi strategici temi a quello della sostenibilità”.

LA SOSTENIBILITÀ – Quello di Persico Marine a Genova sarà un viaggio nella propria storia, nell’evoluzione e nella rapida accelerazione del cantiere negli ultimi anni, anche per quanto riguarda i progetti di sostenibilità: “Lavorare nel tempo con gli organizzatori della Ocean Race – ha concluso Marcello Persico – è stato per noi fonte di ispirazione non solo dal punto di vista tecnico: tutta l’attenzione alla sostenibilità ci ha messo in condizioni di focalizzare i temi centrali per noi, per un cantiere ad alta tecnologia e sempre alla ricerca della performance; è da questi approfondimenti che sono nati i nostri progetti di riciclo del carbonio, economia circolare e implementazione di strategie per diminuire l’impatto ambientale dei nostri impianti”.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti