Emirates Team New Zealand vara “Te Rehutai”

Emirates Team New Zealand ha svelato questa sera al mondo la sua seconda generazione di AC75 nella sua base nel porto di Auckland. È la barca che verrà utilizzata per difendere la 36a America’s Cup tra poco più di 100 giorni.

La barca è stata benedetta da Ngāti Whātua Ōrākei e orgogliosamente battezzata “Te Rehutai” da Lady Margaret Tindall in una cerimonia di fronte a quasi 900 amici, familiari, sponsor, fornitori e sostenitori della squadra.

Emirates Team New Zealand ha presentato questa sera al mondo la sua seconda generazione di AC75 nella sua base nel viadotto di Auckland. È la barca che sarà utilizzata per difendere la 36a America’s Cup presentata da Prada tra poco più di 100 giorni.

Taiaha Hawke di Ngāti Whātua Ōrākei ha spiegato il significato del nome: “Te Rehutai: dove l’essenza dell’oceano rinvigorisce ed energizza la nostra forza e determinazione”.
Ngāti Whātua Ōrākei ha chiamato entrambi i predecessori di Te Rehutai, Te Aihe e Te Kāhu. “Questa volta abbiamo escogitato alcune opzioni da presentare alla squadra in modo che potessero unirsi insieme per decidere un nome che si sentissero risuonare meglio con loro come squadra e chiaramente ‘Te Rehutai’ ha colpito una corda con loro”. disse Hawke.

Te Rehutai è l’ultimo AC75 di seconda generazione ad essere lanciato tra i team AC36. La flotta di barche che bloccheranno i clacson nella 36a edizione della Coppa America di 170 anni è ora in mostra per gli appassionati di occhio d’aquila per esaminare i dettagli più fini con l’intesa comune che la barca più veloce ha sempre vinto la Coppa America.

Per Grant Dalton, CEO di Emirates Team New Zealand, il varo delle barche è sempre un giorno particolarmente orgoglioso per l’intero team.

“Queste occasioni sono speciali perché ti danno una rapida opportunità di prenderti un momento ed essere orgoglioso di ciò che è stato raggiunto. Ma non per molto tempo questa è la fine, abbiamo ancora molto da ottenere nei prossimi 4 mesi se vogliamo vincere di nuovo la Coppa America “.

La progettazione e la costruzione di una barca dell’America’s Cup è spesso una delle montagne nascoste che devono essere ridimensionate in qualsiasi campagna di Coppa a causa della segretezza e riservatezza necessarie per proteggere la proprietà intellettuale del progetto nelle fasi vitali di una campagna.

Kevin Shoebridge, COO di Emirates Team New Zealand, spiega quanto impegno sia stato profuso per portare Te Rehutai in acqua. “Avevamo in calendario la data di lancio della nostra barca da regata probabilmente per quasi un anno. Quindi è davvero un’impresa enorme che oggi lanciamo Te Rehutai considerando che abbiamo perso 5 settimane di tempo di costruzione nel primo blocco COVID-19.

Emirates Team New Zealand ha rivelato questa sera al mondo la sua seconda generazione di AC75 nella sua base nel viadotto di Auckland. E ‘la barca che verrà utilizzata per difendere la 36a America’s Cup presentata da Prada tra poco più di 100 giorni.

Taiaha Hawke di Ngāti Whātua Ōrākei ha spiegato il significato del nome: “Te Rehutai: dove l’essenza dell’oceano rinvigorisce ed energizza la nostra forza e determinazione”.
Ngāti Whātua Ōrākei ha chiamato entrambi i predecessori di Te Rehutai, Te Aihe e Te Kāhu. “Questa volta abbiamo escogitato alcune opzioni da presentare alla squadra in modo che potessero unirsi insieme per decidere un nome che sentissero risuonare meglio con loro come squadra e chiaramente” Te Rehutai “ha colpito una corda con loro”. disse Hawke.

Te Rehutai è l’ultimo AC75 di seconda generazione ad essere lanciato tra i team AC36. La flotta di barche che bloccheranno i clacson nella 36a edizione della Coppa America di 170 anni è ora in mostra per gli appassionati di occhio d’aquila per esaminare i dettagli più fini con l’intesa comune che la barca più veloce ha sempre vinto la Coppa America.

Per Grant Dalton, CEO di Emirates Team New Zealand, il varo delle barche è sempre un giorno particolarmente orgoglioso per l’intero team.

“Queste occasioni sono speciali perché ti danno una rapida opportunità di prenderti un momento ed essere orgoglioso di ciò che è stato raggiunto. Ma non per molto tempo questa è la fine, abbiamo ancora molto da ottenere nei prossimi 4 mesi se vogliamo vincere di nuovo la Coppa America “.

La progettazione e la costruzione di una barca dell’America’s Cup è spesso una delle montagne nascoste che devono essere ridimensionate in qualsiasi campagna di Coppa a causa della segretezza e riservatezza necessarie per proteggere la proprietà intellettuale del progetto nelle fasi vitali di una campagna.

È uno sforzo straordinario, che non abbiamo mai sperimentato prima come squadra. Non posso parlare abbastanza bene dell’abilità e della determinazione che il team della nostra struttura di costruzione ha dimostrato in circostanze eccezionalmente difficili non solo per loro, ma anche per i nostri fornitori, sponsor e tutti coloro che hanno contribuito. “

Molto è fatto delle decine di migliaia di ore uomo di progettazione e costruzione che entrano in una barca di questa complessità, ma è più o meno lo stesso per tutti i team. Sono i fattori intangibili che sono le differenze che possono decidere una Coppa America per molti mesi in futuro.
Il tempo dirà quanto saranno importanti questi intangibili.

C’è molto di diverso guardando la forma generale di Te Rehutai.
Non è una forma dello scafo dall’aspetto tradizionale che punta alla chiara enfasi aerodinamica data al design.

Dan Bernasconi, Head of Design, ha dichiarato: “Abbiamo cercato il perfetto equilibrio tra prestazioni idrodinamiche e aerodinamiche. Un AC75 ottimizzato esclusivamente per accelerare e decollare apparirebbe molto diverso da uno ottimizzato per il volo stazionario, e questo si riflette nell’enorme variazione che vediamo tra gli yacht dei nostri concorrenti nella flotta. Te Rehutai è progettato per eccellere in entrambi i domini – l’acqua e l’aria – e siamo fiduciosi che sarà competitiva in tutta la gamma di velocità del vento che potremmo vedere nella Coppa America.

In tutto il team, Emirates Team New Zealand ha dovuto continuare a spingere i confini da tutto ciò che è stato appreso testando con Te Aihe. Ci sarebbe sempre stata una convergenza del design della seconda generazione di AC75, quindi non c’è spazio per l’autocompiacimento o l’essere conservatori.

Tuttavia, come spiega Bernasconi, è sempre necessario rimanere aperti e fluidi negli sviluppi nell’ultima parte della campagna: “Abbiamo fiducia nei nostri progetti, nella nostra struttura e nelle nostre idee. Ma nel dire che dobbiamo anche essere abbastanza umili da renderci conto che fino a quando non usciremo a correre tra un mese non c’è molto da dire che abbiamo ragione e anche allora, non avremo il quadro completo delle prestazioni fino al 6 marzo. Quindi spingeremo il nostro sviluppo il più duramente possibile per assicurarci di ottenere più velocità e prestazioni possibili da Te Rehutai “.

La pietra miliare rappresentata da ogni lancio è il passaggio di consegne dai progettisti e dai costruttori di barche alla squadra di vela, il cliente finale.
Un’occasione emozionante per l’uomo che prenderà il volante, Peter Burling. “Ottenere un nuovo giocattolo è sempre entusiasmante, ma abbiamo già superato il punto di eccitazione poiché le prossime 2 settimane sono alcune delle più cruciali per la campagna in termini di continuare il nostro sviluppo e prepararci a gareggiare per la prima volta in questione di settimane. “

Il team è rimasto fuori dall’acqua per quasi 5 settimane, trascorrendo molte ore in palestra e ancora più ore nel capanno per aiutare a preparare Te Rehutai per il varo.

“I ragazzi non vedono l’ora di uscire di nuovo in acqua. I progettisti e i costruttori di barche hanno fatto il loro lavoro, ora è tempo che la squadra di vela faccia il nostro. La pressione è sicuramente alta, ma è qui che ci sentiamo più a nostro agio, quindi non vediamo l’ora di correre “. disse Burling.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti