La Youth America’s Cup ufficialmente cancellata a causa delle restrizioni dovute al Covid

Il Royal New Zealand Yacht Squadron (RNZYS) ha confermato oggi che l’evento Youth America’s Cup del prossimo anno è stato annullato a causa delle restrizioni del governo neozelandese sull’immigrazione. Nonostante l’evento sia una parte ufficiale della Coppa America e sia completamente finanziato attraverso sponsorizzazioni e quote di iscrizione, oltre a creare dozzine di posti di lavoro per i neozelandesi, non riceverà lo stesso status di esenzione concesso alle altre squadre di Coppa America.

L’evento è stato una collaborazione tra RNZYS, China Sports Industry Group (CSIG) e Emirates Team New Zealand (ETNZ). La regata del sipario era inizialmente programmata per svolgersi in Cina, e successivamente è stata cambiata ad Auckland con l’impatto del COVID-19 in Cina. Sarebbe quindi durato tre settimane all’inizio del 2021, intorno alla Prada Challenger Series e al periodo della 36a America’s Cup. Con 19 iscrizioni da 13 nazioni confermate, era destinato a diventare un grande evento per la Nuova Zelanda, a completare la serie di sfidanti della Prada Cup e la partita dell’America’s Cup. Si stima che genererà più di 10 milioni di dollari nell’economia della Nuova Zelanda, creerà posti di lavoro per i neozelandesi e promuoverà la Nuova Zelanda a livello internazionale. Molte delle squadre internazionali iscritte avevano indicato che sarebbero arrivate con mesi di anticipo per allenarsi per la regata. “Siamo amaramente delusi”, afferma Hayden Porter, amministratore delegato di RNZYS. “I marinai, i costruttori di barche, gli sponsor e tutti coloro che hanno investito il loro tempo e la loro passione nell’evento Youth America’s Cup sono tutti devastati dalla decisione del Ministero degli Affari, dell’Innovazione e del Lavoro (MBIE) che questo evento non può andare avanti. Le ragioni che ci sono state fornite per non ottenere il nulla osta di immigrazione richiesto erano che MBIE non ha investito direttamente in questo evento e che i neozelandesi potevano svolgere i ruoli di navigazione per i team internazionali. Stiamo lottando per capire come sia possibile in quanto si tratta di un evento internazionale e le squadre devono rappresentare il loro paese. Inoltre, è arrivato senza alcun costo per il governo in un momento in cui la Nuova Zelanda ha bisogno di questo tipo di eventi e investimenti “.

Ian Cook, RNZYS Commodoro e Yard Owner of Yachting Developments (YDL) che stavano costruendo gli yacht AC9F che dovevano essere utilizzati, afferma: “Il progetto di progettazione e costruzione della barca ha richiesto un enorme investimento finanziario da YDL e altre attività marine della Nuova Zelanda come così come un’incredibile dedizione e molte ore trascorse dal mio talentuoso team. È difficile affrontare la delusione che proviamo tutti per il fatto che l’evento non va più avanti non per colpa nostra. È un duro colpo per l’industria nautica neozelandese “. Le barche monoscafo con foiling AC9F sono state progettate da Yachting Developments in collaborazione con un certo numero di parti tra cui Harken, Southern Spars e North Sails. In questi ultimi mesi tutti hanno seguito con attenzione lo sviluppo della barca, assistendo ai test in acqua sul porto di Waitemata in giro per il mondo, con uno yacht all’avanguardia come risultato. In qualità di partner esclusivo della Youth America’s Cup, China Sports Industry Group ha espresso il suo sincero rammarico per questa notizia, pur rimanendo impegnato in una collaborazione continua con RNZYS ed ETNZ per promuovere la vela giovanile, in particolare su barche foiling, oltre a portare il messaggio a la comunità mondiale della vela. La Youth America’s Cup è un trampolino di lancio verso il principale evento di Coppa America per giovani velisti e l’RNZYS ha dovuto avvisare 19 squadre iscritte da 13 nazioni che l’evento è stato annullato. Le squadre rappresentano i velisti dell’America’s Cup di domani ei velisti sono devastati. Questo evento doveva essere anche il primo evento di genere diverso nel suo genere. L’amministratore delegato di RNZYS, Hayden Porter, afferma: “L’evento è stato interamente finanziato e ha creato posti di lavoro per i neozelandesi. È frustrante perché le squadre erano anche disposte a mettere in quarantena qui a proprie spese, ma le regole del governo neozelandese sull’immigrazione hanno forzato la cancellazione, nonostante gli ovvi vantaggi in termini di posti di lavoro e investimenti internazionali “.

La squadra RNZYS Youth America’s Cup di sei marinai e sei marinai, di età compresa tra i 18 ei 25 anni, è ora il nostro lato positivo. Guidati da Leonard Takahashi e Nick Egnot-Johnson, questi marinai continueranno ad allenarsi insieme. Se Emirates Team New Zealand avrà una difesa di successo dell’America’s Cup nel marzo 2021, RNZYS intende ripristinare l’evento più avanti nello stesso anno con eventi sia internazionali che locali. Lo yacht AC9F sarà disponibile per i team internazionali per l’acquisto e la formazione per questi eventi. “Quando il mondo colpito da Covid-19 cambierà, la Youth America’s Cup tornerà sulle carte per Auckland e saremo tutti pronti”, affermano sia Cook che Porter.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti