Redentore 2020, annullati i fuochi d’artificio nel bacino di San Marco

Pochi minuti fa, in conferenza stampa a Ca’ Farsetti, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha annunciato l’annullamento dei fuochi d’artificio per l’edizione 2020 della Festa Del Redentore.

La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale per evitare grandi assembramenti di persone che rischiano di favorire la diffusione del coronavirus.

“Chiedo scusa ai cittadini e a chi, con me, ha lavorato fino all’ultimo minuto per l’organizzazione dell’evento – ha esordito il primo cittadino. Negli ultimi giorni i dati sull’emergenza sanitaria, anche nella nostra regione, hanno indicato un lieve aumento dell’indice di contagio. Venezia è, ed è sempre stata, una Città sicura e responsabile, non possiamo permetterci di rischiare sulla salute dei cittadini e vanificare il grande lavoro che è stato fatto in tutti questi mesi per farla ripartire. Su questo fronte i numeri delle presenze sono confortanti e proprio per questo motivo vogliamo dare un messaggio di responsabilità al mondo: chi viene a Venezia può farlo perché troverà una città sicura. Mi assumo la responsabilità della decisione, è una scelta di coscienza prima di tutto”. Con queste parole il sindaco Luigi Brugnaro ha confermato la Festa del Redentore 2020, ma rinunciando al tradizionale spettacolo pirotecnico. L’annuncio è stato fatto questa mattina nel corso di una conferenza stampa a Ca’ Farsetti. All’incontro era presente anche Fabrizio D’Oria, direttore della comunicazione degli eventi di Vela, la società che insieme al Comune ha definito e organizzato gli eventi in calendario nel corso dei festeggiamenti, che si apriranno con l’inaugurazione del ponte votivo.

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti