Te Aihe è (finalmente) di nuovo a casa

Non è tanto un ritorno trionfante dall’Europa per l’Emirates Team New Zealand AC75 ‘Te Aihe’ – piuttosto un ritorno molto gradito nelle ore buie di martedì mattina, essendo la barca stata in viaggio da quando ha lasciato la base del team neozelandese domenica 2 febbraio.

Il suo ultimo giorno di navigazione sul porto di Auckland è stato il 15 gennaio. Come il mondo è cambiato da quel giorno grazie al COVID19.

Da allora Te Aihe e 16 container che ospitano officine, inseguono barche e tutto ciò di cui un team dell’America’s Cup avrebbe bisogno per lavorare in remoto a Cagliari e Portsmouth è stato imballato e spedito in Italia, per fare ritorno in Nuova Zelanda senza che i sigilli vengano rotti.

Hanno viaggiato su 4 navi, visitato 15 porti tra cui carico e scarico a Tauranga, trasbordati a Singapore in ogni modo ed è stato caricato e ripartito a Gioia Tauro in Italia.

Te Aihe è stato trasportato su strada da Tauranga alla base della Emirates Team New Zealand arrivando a una piccola festa di benvenuto – Andy Nottage, Jack Taylor e James Graham, per scaricare il camion pronto a tornare al suo capannone ed essere pronto per la navigazione nelle settimane avanti.

“È bello vederla tornare prima del previsto”, ha dichiarato Andy Nottage, responsabile della logistica del Team Emirates della Nuova Zelanda, che è riuscito a destreggiarsi tra i tempi fluidi e i programmi di spedizione per tenere traccia e controllare la preziosa spedizione.

“È stata piuttosto in un’avventura, ma è bello avere la sua casa in un unico pezzo grazie in gran parte al supporto continuo di Maersk.

Un aspetto positivo è che tutto è stato mandato via in un relativo stato di prontezza per essere installato e pronto a navigare relativamente velocemente a Cagliari, quindi ciò dovrebbe significare che non è troppo lungo per farla tornare di nuovo a vela nel Golfo di Hauraki ”.

“Abbiamo avuto alcuni nuovi componenti e sistemi che erano pronti per le corse ACWS, quindi i ragazzi si stanno dando da fare per tornare a testare i nuovi allestimenti e continuare i nostri sviluppi e ovviamente recuperare il tempo perso.”

close
Iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli relativi

Commenti