Vela Veneta

Il varo dell’AC 75 di Emirates Team New Zealand

Il varo dell'AC 75 di Emirates Team New Zealand

Oggi il team Emirates della Nuova Zelanda ha varato il primo AC75 nella sua base di squadra nel cuore del villaggio della Coppa America ad Auckland.

L’importante traguardo è stato celebrato con il team, le loro famiglie, sponsor e fornitori. La barca fu battezzata “Te Aihe” (Delfino) da Marcus Gerbich – membro della Fondazione MND – e benedetta da Ngati Whatua.

L’amministratore delegato della squadra neozelandese Kevin Shoebridge, che negli anni ha supervisionato lo sviluppo e il lancio di molte barche, è stato particolarmente orgoglioso di assistere alla nascita del Kiwi AC75 per la prima volta.

“Questa è un’occasione significativa per il team, non solo perché si tratta di un’altra barca nuova, ma proprio perché quando abbiamo vinto l’America’s Cup nel 2017 abbiamo dovuto elaborare molto rapidamente un nuovo concetto di barca che avrebbe continuato a spingere confini di innovazione e tecnologia in America’s Cup. Quindi, nel relativamente breve lasso di tempo da novembre 2017, quando abbiamo pubblicato il concetto, vederlo in carne e ossa oggi è una straordinaria testimonianza di tutto il team disposto a spingere le cose dall’idea alla progettazione per costruire e sistemare “, ha detto Shoebridge .

Sono state impiegate oltre 100.000 ore-uomo per progettare e costruire la barca con un gruppo di circa 65 persone tra progettisti e costruttori di barche che hanno lavorato tranquillamente durante l’ultimo anno. Sean Regan ha guidato la creazione della struttura di produzione su misura del team sulla North Shore di Auckland da una fabbrica vuota alla produzione del primo AC75.

“Abbiamo avuto la pressione dal momento in cui abbiamo deciso di creare il nostro stabilimento di produzione molto presto in questa campagna. Abbiamo formato una squadra davvero fantastica di 42 persone completamente impegnate nel cantiere che hanno lavorato a pieno regime per portare questa barca fuori dalla porta “, ha detto Regan.

“Anche per i costruttori di barche più esperti del team, questa è stata una costruzione davvero unica perché è una barca così sofisticata. Ma è davvero incoraggiante che per un certo numero di nostri costruttori di barche junior e apprendisti la loro prima costruzione sia stata su una barca che è davvero all’avanguardia nella complessità nella costruzione, nel design e nelle prestazioni. ”

Il responsabile della progettazione del Team Emirates della Nuova Zelanda Dan Bernasconi è stato una figura centrale nello sviluppo della Classe AC75 prima di rivolgere l’attenzione del suo team di progettisti al design specifico dell’imbarcazione Emirates Team New Zealand.

“C’è una grande quantità di innovazione nella progettazione e costruzione dell’AC75 – più di quanto abbiamo visto negli AC50 nelle Bermuda”, ha detto Bernasconi. “L’AC75 è un concetto completamente nuovo e ha presentato molte sfide in molte aree – ma questo è esattamente ciò che la Regola è stata progettata per fare – per spingere lo sviluppo all’estremo. Non siamo stati conservatori in nessun aspetto del nostro design; non passerà molto tempo prima che dobbiamo impegnarci a progettare la nostra seconda barca, che alla fine gareggeremo nella Coppa America del 2021, quindi dobbiamo testare quante più idee possibili nello yacht che lanciamo oggi. “

A differenza degli altri principali sfidanti, Emirates Team New Zealand ha concentrato lo sviluppo della sua prima barca interamente con il proprio simulatore interno invece di costruire una barca di prova su scala ridotta per convalidare i concetti sull’acqua. Quindi, una volta che l’AC75 è partito per la sua prima vela, sarà la prima volta che il team navigerà collettivamente da quando ha vinto l’America’s Cup il 26 giugno 2017.

“Non sarà senza nervi la prima volta che andremo a vela, ma sono sicuro che non è diverso per tutte le squadre”, ha detto Glenn Ashby

“Gli AC75 sono grandi barche veloci e potenti, quindi saranno una manciata, ma dalla nostra comprensione attraverso le nostre simulazioni sono intrinsecamente una barca più sicura da navigare rispetto a quella che abbiamo navigato nelle due precedenti Coppa America. Come con qualsiasi nuova barca, si tratta di farla lentamente salire di velocità, imparare a navigare nel modo più efficiente, spingendo lo sviluppo dei progetti e poi mettendo le ore a prepararsi a correre per l’ACWS Sardegna nell’aprile 2020. ”

Il team Emirates della Nuova Zelanda si concentrerà ora su un intenso periodo di test sul Golfo Hauraki di Auckland durante i mesi primaverili ed estivi, con il vantaggio di sviluppare e allenarsi nell’area di gara della Coppa America che si correrà nel marzo 2021.

Il CEO della squadra neozelandese, Grant Dalton, ha concluso: “Desidero ringraziare ogni singolo membro del team per il duro lavoro che hanno svolto per portarci fino ad oggi. Un ringraziamento speciale anche a tutti i nostri sponsor e partner per tutto il loro prezioso supporto finora e tutto ciò che continueranno a fare durante il nostro viaggio verso l’America’s Cup Match del 2021. È un momento emozionante, ma le cose stanno per avere un intero molto di più da ora. ”

Articoli relativi

Commenti