Il report del Consiglio Federale che si è svolto a Roma

Si è svolto la scorsa settimana, nella Sala Giunta del CONI al Foro Italico, il Consiglio Federale. Si è fatto un approfondito bilancio sull’anno in chiusura e il Presidente Francesco Ettorre con i consiglieri hanno parlato dell’anno che si sta aprendo.

Il 2017 ha visto crescere la quota dei tesserati di oltre 1000 unità, e si attesta oggi a 142.865, di questi, la maggior parte sono soci ordinari, ma la crescita maggiore è stata registrata dalla Scuola Vela. Gli uomini e i seniores, rappresentano la maggioranza ed è la IV Zona (Lazio) la più ‘popolosa’, seguita dalla I Zona (Liguria).
La tessera FIV diventerà digitale, con l’intento di semplificare la gestione del tesseramento e far si che possa diventare uno strumento di servizio per il tesserato, dal 2018 verrà avviato il progetto di tessera digitale disponibile all’interno dell’app MyFedervela. Questa app (in versione Android e Mac) consente al tesserato di: gestire i propri documenti (certificato medico, certificato di stazza, certificato Rating FIV, ecc), iscriversi alle regate, monitorare il proprio allenamento e consultare il Regolamento di Regata e le Normative federali. In futuro l’app consentirà anche di iscriversi a corsi di formazione, monitorare e gestire la propria attività di ufficiale di regata e visionare e/o aderire a convenzioni con partner FIV.

L’attenzione dei rappresentanti FIV in World Sailing e nei rapporti con altre federazioni ha portato l’Italia a divenire una Federazione di riferimento per l’Europa. Anche a livello nazionale la FIV ha rafforzato i rapporti istituzionali con il CONI – oggi in visita il presidente Malagò – che manifesta una particolare attenzione nei confronti della nostra Federazione, e delle Istituzioni, prime fra tutti il Ministero dello Sport.

Nell’ambito degli accordi con i partner, la FIV ha siglato una convenzione con il credito sportivo che permette agli affiliati di accedere ad una linea di credito a tassi agevolati e con un fondo di garanzia CONI che copre l’80% del finanziamento richiesto. Il restante 20% potrà essere coperto da una fideiussione assicurativa/bancaria, senza dunque un’esposizione dei presidenti di club e loro dirigenti.

FIV ha anche definito con VSR dei modelli di gommone adatti alle attività dei club che vengono proposti a prezzi vantaggiosi con motorizzazione Suzuki. Previsto anche l’accesso al finanziamento dell’ICS.

Attenzione anche al marketing, per la prima volta la FIV ha sviluppato un piano mirato a dare maggiore evidenza alle attività svolte in ambito sportivo e sociale, con l’intento di avviare partnership con brand che vedono nella vela una opportunità di visibilità e di sviluppo del proprio business. E’ stato poi definito il progetto “Top Club 2020” che ha l’intento di far diventare realtà quello che per molte aziende può rimanere solo un sogno con una campagna da intraprendere a sostegno e insieme agli atleti Azzurri per la “sfida olimpica”.

Bei successi nell’attività giovanile, che nell’anno ha conquistato ben 8 ori, 5 argenti e 5 bronzi ai campionati mondiali di classe e 9 ori, 7 argenti e 3 bronzi agli europei. Anche nel 2017 è stato indetto un bando per l’assegnazione di contributi destinati a tesserati e affiliati per l’acquisto di imbarcazioni delle classi giovanili. Totale contributo del progetto ‘Sviluppo del Territorio’: € 128.000.
La novità dell’attività giovanile del 2017 è il kiteboard. Da quest’anno la FIV ha un tecnico federale che segue l’attività giovanile per il kiteboarding che ha permesso di organizzare raduni tecnici e partecipare alle più importanti manifestazioni a livello internazionale.

Sono migliorate le prestazione degli atleti azzurri impegnati nelle classi olimpiche, 1 oro agli europei, 2 argenti e 3 bronzi, ed 1 bronzo anche ad un campionato mondiale. In questo settore sono stati elargiti premi per i risultati pari a 220.000 Euro andati a 42 atleti, e borse di studio per 110.000 Euro di cui hanno beneficiato 29 atleti. In totale l’attività olimpica ha visto la partecipazione a 41 eventi, organizzato 96 allenamenti per un totale di 2.562 giorni, 14 stage e 6 eventi con osservazione FIV pari a 730 giorni.

L’attività paralimpica: quinto posto al Campionato mondiale ed un secondo alla World Cup Hyeres nei 2.4mR, due atleti hanno partecipato ai Para Worlds a Kiel nell’Hansa 303, e 6 equipaggi ai Para Youth Games di Genova.
Nell’ottica di coinvolgere il maggior numero di imbarcazioni nell’attività velica del diporto, la FIV ha messo a punto un sistema di Rating FIV che può essere rilasciato a tutti quegli armatori che per due anni (l’anno in corso e l’anno precedente) non abbiano preso parte a regate IRC, ORC o ORC Club, ma che comunque vorrebbero affacciarsi alle Veleggiate con rating.

Per promuovere la vela, la FIV nel 2017 ha introdotto i Meeting provinciali, regionali e Nazionali per far vivere una esperienza unica a centinaia di bambini delle scuole di vela. Un’esperienza che andrà a consolidarsi nel 2018. Queste attività vanno ad aggiungersi al VelaDay, introdotto lo scorso anno, che assume un’importanza strategia nelle azioni di promozione dello sport della vela a cui è stato confermato il supporto di Kinder + Sport. E’ il 2 giugno la data proposta per la celebrazione di una giornata nazionale durante la quale far conoscere la nostra disciplina sportiva.

Visto l’elevato numero di candidature ricevute, per l’assegnazione delle manifestazioni Fiv, il consiglio ha nominato una commissione che valuterà il rispetto della procedura e i dossier di candidatura, esprimendo un parere entro la fine della prossima settimana.

In base alla convenzione con Assomarinas, dall’inizio del 2018 la FIV potrà promuovere le proprie attività all’interno dei porti aderenti all’associazione di categoria, attraverso la distribuzione di materiale informativo e l’organizzazione di iniziative promozionali come il VelaDay. Assomarinas sarà partner di FIV nell’ambito del Velista dell’Anno con l’istituzione di un premio dedicato al “Marina dell’Anno”.

Grande importanza è stata, e sarà data, alla formazione. E’ stato creato un un programma formativo mirato per il dirigente di club che sempre più deve essere aggiornato sulle dinamiche che regolano l’attività federale e le loro implicazioni sulla gestione del circolo. Con l’introduzione di un regolamento che definisce l’impiantistica sportiva della vela nasce la figura del Certificatore dell’impianto sportivo per il quale è stato definito un percorso formativo.

La FIV aderisce al programma SNAQ per la qualificazione dei Quadri tecnici. Per il 2018 messo a punto il percorso per l’acquisizione del titolo di istruttore federale di I livello e definito un nuovo modulo al II livello sulla direzione della Scuola di vela.

La figura professionale introdotta dal Governo con il Nuovo Codice della Nautica vede la FIV protagonista sia per il riconoscimento del titolo di istruttore professionale di vela da parte di chi è già in possesso di un Brevetto Federale, sia per la necessaria formazione continua prevista per chi è iscritto al Registro Nazionale gestito dal MIT.
Nell’ottica di contribuire gli Ufficiali di regata a fare esperienza ed accrescere le proprie competenze è in via di definizione un percorso formativo che mira a valorizzare gli Ufficiali di regata che maggiormente sono impegnati nell’attività e desiderano formarsi. In questo ambito, rientrano gli accordi che la FIV ha avviato con Federazioni Sportive di Nazioni limitrofe per dare vita ad un interscambio di UdR in aggiunta agli accordi già esistenti in ambito EuroSaF.
Nella giornata successiva il consiglio ha analizzato e approvato alcune normative e valutato l’assegnazione degli eventi 2018: visto l’elevato numero di candidature, ha nominato una commissione che valuterà il rispetto della procedura e i dossier di candidatura, esprimendo un parere entro la fine della prossima settimana.

A chiusura dei lavori il presidente Francesco Ettorre ha dichiarato “Il bilancio del 2017 è sicuramente positivo sia per quello che riguarda la vela agonistica, che per la promozione e i numeri della vela italiana che parlano di una vela in crescita. L’anno si chiude con il campionato del mondo giovanile vinto dall’Italia in Cina: un successo atteso, ci credevamo molto, sia sul trofeo a squadre che sull’individuale. Il fatto che abbiamo conquistato 4 medaglie individuali e un trofeo per nazioni per la seconda volta consecutiva ci riempie di orgoglio, un successo che ha dimostrato come la crescita mondo giovanile sia stratificata su tutte le classi”.

Lascia un commento