Protagonist: Gentlemen’s Cup, meritato successo di Luca

Il 17° Campionato Open per Armatori Timonieri – Gentleman’s Cup, organizzato dal Circolo Vela Gargnano registra ancora una volta la vittoria di Luca di Luciano Avesani (4,1,1) timonata da Francesco Barbi con Roberto Benamati nel ruolo di tattico, Andrea Frison tailer e Valentino Barbieri in prua. Il secondo posto va a Bessi Bis di Giuliano Montegiove con al timone Pier Luigi Omboni (3,1,4). Chiude il podio Pata-Ta di Luca Bovolato (5,2,2) con alla tattica Pietro Corbucci.

Week end molto impegnativo per la giuria presieduta da Carla Malavolta, coadiuvata da Carmelo Paroli, Dario Zanini, Giuliana Collini.

La giornata di sabato si è conclusa con una sola prova disputata caratterizzata da un vento altalenante influenzato dai temporali in corso. Una regata che ha visto favorevole in teoria un campo di regata di destra, ipotesi questa completamente ribaltata dalla scelta delle barche che hanno preferito prendere il campo di sinistra ricavandone vantaggio.

Grazie a questa scelta tattica, alla prima boa di bolina, davanti a tutta la flotta partita sulla barca giuria, si presentano con netto distacco  dal gruppo Yerba del Diablo di Andrea Barzaghi, Pegaso di Valerio Mandrini ed El Moro di Luca Pavoni con alla barra Enrico Sinibaldi.

Nella seconda bolina l’aria è andata via via calando, a tal punto  da non permettere una discesa di poppa regolare a tutti;  la regata si è conclusa con molte barche fuori tempo massimo.
La prova viene vinta da Yerba del Diablo che ha dominato tutta la regata seguita daEl Moro e terzo Bessi Bis.

In mancanza di vento la giuria rimanda gli equipaggi alla giornata di domenica con partenza alle ore 9,00.

Per difficoltà nel posizionare il campo di regata non si è potuto sfruttare il Peler per dare il via alle prove mattutine, ma si è dovuto aspettare l’arrivo pomeridiano dell’Ora vento che spira da sud.

Alla partenza della prima prova il vento ha avuto una rotazione a sinistra così forte da portare  le barche che sono riuscite a partire sulla sinistra e che per prima hanno virato, con un unico bordo alla boa di bolina.
Con il campo di regata così sfalsato dal giro di vento e con gli arrivi in boa con un bordo unico, non c’è  stata la possibilità di bordeggiare e di avere quindi un rimescolamento  delle posizione tra gli equipaggi.
Taglia per primo il traguardo Bessi Bis seguito da Il Peso della Farfalla di Roberta De Munari timonata da Marco Schirato con terzo a sorpresa Avec MistreMax di Alberto  Bonatti.

Nella seconda prova di giornata, dopo un richiamo generale, la giuria si vede costretta ad utilizzare la bandiera nera penalizzando alcune barche che si sono trovate in anticipo sulla linea, tra questi Bessi Bis che con l’OCS  si vede sfumare un secondo posto, Il Peso della Farfalla e Mmahhipiù.
Ancora un giro di vento questa volta a destra ha avvantaggiato le barche  che hanno tenuto la destra del campo. Primo a tagliare il traguardo è Luca secondo Pata-Ta, terzo  Genepy di Enrico Bettin timonata da Andrea Zuklic.

La Terza e ultima prova della giornata, con il vento sempre ruotato  a destra, si è rivelata una regata molto combattuta con le prime barche appaiate in testa alle posizioni con Luca che alla fine della ultima bolina è riuscita a girare davanti di poco rispetto a Bessi Bis, Il Peso della Farfalla e Pata-ta.
Anche la poppa è stata combattuta con strambate  e contro strambate  per cercare di attaccare gli avversari.
Ha avuto la  meglio Luca  che con una tattica praticamente perfetta è riuscito ad allungare su tutti andando a chiudere per primo seguito da Pata-Ta e terzo Il Peso della Farfalla.

La classifica Gentlemen, dedicata ai timonieri armatori, vede primo Luca Bovolato con Pata-Ta, secondo Alberto Bonatti con Avec MisterMax e terzo  Scialpi Antonio con Mmahhipiu.

La Gentlemen’s Cup era l’ultima regata per la Classe Protagonist 7.50 prima del Campionato Nazionale che si svolgerà a Desenzano del Garda dal 30 maggio al 2 giugno.

Le Sailing Series 2015 riprenderanno con la sesta tappa che si svolgerà nella acque di Limone del Garda.

Lascia un commento