52 Super Series: Un allenamento massiccio

 

Otto dei team iscritti alla stagione 2019 della 52 SUPER SERIES si stanno allenando questa settimana nelle acque di Valencia. Questo fatto dimostra il grado di impegno e competitività che caratterizza il circuito sin dalla sua nascita nel 2012. I team sono al lavoro nelle acque de “La Malvarrosa” per cercare di ritornare in forma in previsione del primo evento della stagione a Mahón il 21 maggio.

Queste giornate in acque spagnole sono fondamentali per i team perché stanno testando il materiale che li condurrà nella prossima stagione che li vedrà sfidarsi nei cinque eventi delle 52 SUPER SEIES. Il tempo scorre molto velocemente e saranno necessari questi due mesi per la prima regata della stagione. Gli equipaggi hanno avuto una pausa dallo scorso settembre quando si è tenuta l’ultima regata della stagione 2018, a Valencia, ma gli shore team non hanno smesso di lavorare. La maggior parte di loro ha cambiato le configurazioni e si sono presentati a Valencia con nuovi timoni, nuove chiglie e anche nuovi bulbi.

Le modifiche all’albero e ai nuovi design delle vele devono essere testate prima dell’inizio della stagione e questa è un’altra ragione del massiccio raduno di barche in questi giorni. Un altro motivo importante è che gli armatori hanno dovuto apportare modifiche all’equipaggio e questa settimana di formazione offre loro la possibilità di raggiungere la chimica in acqua in un ambiente competitivo ottimale.

Inizialmente i team hanno cercato altre compagini per potersi allenare a Valencia. I primi a dire di sì sono stati Alegre e Sled che si sono addirittura impegnati a misurare le barche inizialmente allo stesso modo per testare la velocità di queste. Qui possiamo vedere lo spirito di collaborazione che esiste tra la flotta, consapevole del fatto che le squadre sono così ad altissimo livello che tutti hanno cose da imparare dai loro rivali.

Anche i due favoriti, Azzurra e Quantum Racing, hanno salvato uno slot nel loro calendario a Valencia per fare un allenamento congiunto. E sarà il prossimo lunedì e martedì (11 e 12 marzo) a vedere i team in una sessione di regate di allenamento con tutte le barche insieme sulla linea di partenza.

Ancora una volta Azzurra si affidata alla forza del suo equipaggio e alla chimica che esiste in essa come una delle sue armi per la stagione. Da parte sua, Quantum non ha avuto altra scelta che apportare importanti modifiche al suo gruppo a causa della partenza di molti membri dell’equipaggio, il più importante dei quali è Terry Hutchinson, lui ora è concentrato sulla Coppa America con il progetto American Magic.

Ed Baird prenderà di nuovo il timone di Quantum e un altro che tornerà in gruppo è il catalano Joan Vila nel ruolo di navigatore. Cameron Appleton sarà il tattico mentre Andrew Estcourt sarà il runner e Federico Michetti sarà il trimmer di poppa.

“I nostri cambiamenti non sono traumatici perché io e Joan abbiamo già navigato qui e conosciamo questo progetto e c’è un fattore importante per noi: non ci saranno cambiamenti durante la stagione. L’equipaggio rimarrà stabile “, dice Baird prima di salire per la prima volta sulla barca. “Allenarsi a marzo è fantastico. L’atmosfera con tutte i team qui è come se avessimo intenzione di iniziare la competizione in tre giorni … Questa settimana dobbiamo provare un nuovo pacchetto di vele, analizzare i cambiamenti nella barca e integrare i tre nuovi volti. Abbiamo cambiato il bulbo, la stay di poppa e fatto alcuni ritocchi all’interno. E naturalmente, questa è una nuova barca per me perché l’anno scorso non ero in questo team“.
Un altro cambiamento strategico negli equipaggi è stato fatto dall’armatore di Provezza, Ergin Imre. Il turco ha dato il timone della sua barca a colui che era l’allenatore negli ultimi tre anni, il neozelandese John Cutler. E un compatriota del nuovo leader arriva anche a bordo in suo suo supporto. Il veterano ed esperto velista delle 52 SUPER SERIES, Hamish Pepper nel ruolo di tattico.

Sled non conterà quest’anno sul vincitore dell’ultima Coppa America, il tattico Ray Davies. I suoi obblighi verso Emirates Team New Zealand lo portano lontano dalla squadra di Takashi Okura. Adam Beashel lascia il suo posto di tattico al campione olimpico di 470, Will Ryan.

Platoon, che difenderà il secondo posto nella classifica generale ha cambiato il suo navigatore, il team di Harm Müller-Spreer schiera Jules Slater. Questo è l’unico cambiamento per il team dell’armatore tedesco.

La maggior parte della flotta sarà presente anche a Palma Vela dall’8 al 12 maggio. Ma quest’anno questa regata non può essere il banco di prova poiché è molto vicina alla celebrazione del primo test della stagione della SUPER SERIES 52 a Mahón e non è sarà possibile apportare molte modifiche. Ecco perché questi giorni di formazione a Valencia sono fondamentali per i team.

“Lo spazio tra Palma e Mahón è minimo, quindi dobbiamo essere molto chiari sul fatto che a Palma Vela arriveremo con tutto ciò che useremo a Mahón. A Valencia abbiamo molto lavoro perché stiamo testando una nuova configurazione dell’albero, un nuovo timone e un nuovo bulbo e dobbiamo provare alcune vele”, spiega Don Cowie, trimmer di Sled.
“Il fatto che ci sono otto barche a Valencia è una garanzia che sarà un buon allenamento”, dice il leader e timoniere di Azzurra Guillermo Parada. “Abbiamo lavorato su diversi concetti per alcune delle nostre vele e dobbiamo essere sicuri a Valencia di scegliere quelle giuste. Per prendere la decisione sulle nuove vele ci sono circa 40 giorni e questo è qualcosa che può condizionare l’intera stagione. Ecco perché è bello essere in grado di testarli ora e vedere cosa hanno fatto gli altri team per prendere decisioni con molte più informazioni a nostra dsisposizione.”
John Cutler è stato l’allenatore di Provezza nelle ultime tre stagioni e riconosce di non aver provato cosa vuol dire prendere il timone di un Tp52, ma dice:

“Sono molto a mio agio con quello che abbiamo pianificato. Hamish ha molta esperienza in questa classe. Speriamo di migliorare i risultati della scorsa stagione e ottenere alcuni podi. Il grande obiettivo sarebbe essere sul podio finale della stagione, ma ci sono altre nove team che combatteranno per lo stesso risultato e tutti saremo così ravvicinati “, dice il kiwi.
L’intera flotta di Valencia ha tristemente fatto al team Quantum le condoglianze per la morte dell’anima della squadra, Mark Koetje che è recentemente scomparso per una brutta malattia. Ed Baird:

“Siamo tutti molto tristi per lui. Ci manca tanto. È stato una parte importante di questo team sin dal suo inizio ed è uno dei responsabili dei numerosi successi ottenuti. Questa era la sua squadra. Lui e Doug DeVos erano amici dai banco sin dai tempi della scuola. Doug si fidava di lui per realizzare questo progetto e lo ha fatto perfettamente. Questa stagione la dedicheremo alla sua memoria”.

 

Lascia un commento