Arriva da Malta la nuova sfida alla 36ª America’s Cup

 

Ad una settimana dalla chiusura delle iscrizioni alla 36aª America’s Cup il Defender e il Royal New Zealand Yacht Squadron hanno completato i controlli richiesti e accettato la sfida del Royal Malta Yacht Club.

Il Malta Altus Challenge diventa il quarto Challenger per l’America’s Cup nel 2021, insieme al Challenger of Record di Luna Rossa (ITA), American Magic (USA) e INEOS Team UK (GBR).

La Notice of Challenge del Royal Malta Yacht Club è stata la prima delle otto iscrizioni in ritardo ad essere ricevute dal Royal New Zealand Yacht Squadron entro la scadenza del termine ultimo per le iscrizioni – 17.00 del 30 novembre NZT- e quindi la prima ad essere elaborata.

È la prima volta, in 167 anni di storia del trofeo, che Malta entrerà in sfida per l’America’s Cup. Nonostante sia uno dei paesi più piccoli in Europa – solo 316 km² (122 miglia quadrate) – la posizione strategica di Malta nel Mar Mediterraneo lo ha sempre reso un centro di attività marittima e un porto di importanza cruciale nel corso della storia.

Il Royal Malta Yacht Club le cui origini risalgono al 1835, prima dell’esistenza dell’America’s Cup, è infatti internazionalmente riconosciuto come l’organizzatore della 50enne Middle Sea Race, la regata di 606 miglia partendo da La Valletta e navigando in senso antiorario intorno Sicilia.

Il Team Principal della Malta Altus Challenge è Pasquale Cataldi, un uomo d’affari di origine italiana che ha sede a Malta, fondatore e CEO della multinazionale immobiliare e società di sviluppo, Altus. Questo è il primo coinvolgimento di Cataldi in America’s Cup, ma la sua intenzione è quella di perseguire una sfida a lungo termine:

“Il nostro obiettivo è fare tre edizioni dell’America’s Cup. Se vuoi costruire una squadra forte, devi impegnarti in tre cicli di Coppa America. Penso che tutti in questa edizione siano a lungo termine. Abbiamo una nuova classe, quindi il gioco è di livello per tutti, e le differenze non sono tanto “, ha spiegato Cataldi.

Grant Dalton, CEO del Defender Emirates Team New Zealand, ha dichiarato: “Siamo felici di dare il benvenuto al Royal Malta Yacht Club e al Malta Altus Challenge alla 36a America’s Cup. Dopo la Nuova Zelanda, sono ora il paese più piccolo da sfidare per l’America’s Cup. Sappiamo cosa vuol dire essere una piccola squadra che si trova di fronte a lunghe sfide nell’affrontare una delle più grandi sfide nello sport e auguriamo loro il meglio. ”

La Malta Altus Challenge sarà guidata da personale esperto di Coppa America e mira a sviluppare talenti locali a Malta nei settori del design, dell’ingegneria e della costruzione navale.

Questa è una grande opportunità per il nostro club di promuovere Malta e le competenze che esistono nell’industria marittima su un palcoscenico globale “, ha affermato Godwin Zammit, il Commodoro del Royal Malta Yacht Club.

“A nome del Club, vorrei ringraziare il Royal New Zealand Yacht Squadron e Emirates Team New Zealand per la loro assistenza durante tutto il processo di sfida e non vediamo l’ora di scendere e iniziare a correre a dicembre 2020”.

La squadra completa e ulteriori informazioni sulla sfida verranno annunciate a Malta nel primo trimestre del 2019.

Nelle prossime settimane verranno rilasciati altri aggiornamenti riguardanti le Avvisi di Sfida, ricevuti entro la scadenza.

 

Lascia un commento