Muggia – Portorose, ecco come è andata

 

Il weekend appena trascorso ha visto lo svolgersi della manifestazione che conclude il Circuito, la Muggia – Portorose NARC, regata organizzata dal Circolo della Vela Muggia e dallo Yacht Club Marina Portoroz con la collaborazione tecnica della Società Velica di Barcola e Grignano. La manifestazione è strutturata in due giornate, la prima con la prova di navigazione da Muggia a Portorose in concomitanza della classica Muggia –Portorose per le barche Open, la seconda con le prove tecniche a bastone nel Golfo di Pirano

Sabato 16 giugno si è svolta la prova di navigazione con partenza nel Vallone di Muggia ed arrivo nel Golfo di Pirano davanti l’ingresso del Marina Portoroz. la partenza di entrambe le flotte è stata ritardata di circa 15 minuti a causa della partenza di un petroliera dai pontili Siot. Un plauso a tutti i regatanti per la collaborazione con il CdR per mantenere libero lo specchio acqueo davanti alla nave in partenza per non intralciare il traffico marittimo commerciale. La regata era divisa tra barche Open e barche ORC con percorso uguale ma partenze differite per dare modo alle barche ORC di avere vento libero ed esprimere al meglio le loro performances.

Mare, sole e vento non sono mancati per rendere spettacolare la regata. L’orizzonte colorato dai tantissimi spinnakers ha regalato a tutti, regatanti e spettatori,  una bellissima visione del Golfo di Trieste pieno di vele e di barche in regata. Il maestrale ha permesso di effettuare una partenza di bolina ma all’uscita del Vallone è entrato il borino attorno ai 12 – 13 nodi, che ha permesso a tutte le barche di arrivare veloci a Punta Madonna con le vele da lasco e solo all’interno del Golfo di Pirano i genoa sono stati issati di nuovo per tagliare la linea di arrivo di bolina in prossimità del Marina di Portorose.

La sera è stata allietata dalla cena presso il ristorante Laguna riservato per l’occasione e dalla musica dal vivo che ha trascinato a ballare tutti, regatanti, UdR, organizzatori e semplici spettatori.

Domenica 17 giugno, prima delle 3 prove tecniche in programma, un breve briefing tra CdR e gli skippers alle 10.00, effettuato presso il ristorante Marina, poi tutti in mare per le prove a bastone. Come da programma il CdR ha dato la partenza in perfetto orario alla flotta Open con un maestrale che ha permesso di fare una partenza perfetta di bolina per poi posizionarsi al centro del Golfo di Pirano per le successive prove a bastone del NARC. Purtroppo il vento nel Golfo di Pirano non ha aiutato il CdR e la prima prova ha subito un ritardo causa il vento non sufficiente per dare la partenza. Poco tempo dopo Il maestrale è aumentato leggermente ed il CdR ha posizionato il campo di regata e la prima prova di giornata è partita con un vento di 6 nodi e direzione 290°. Le condizioni meteo instabili hanno fatto lavorare non poco i tattici per le continue rotazioni e variazioni di intensità del vento. Sul primo lato di poppa Il CdR decide per un cambio percorso causa un deciso salto a sinistra del vento. Le condizioni diventano sempre più difficili per il morire del maestrale e la difficoltà del nuovo vento da bora di entrare, per cui subito dopo la partenza della seconda prova di giornata il CdR annulla la prova per un salto a destra di quasi 90°. A questo punto il CdR si sposta in acque più aperte e con meno interferenza della costa sul vento. Seconda partenza della seconda prova di giornata con un borino sui 10 nodi che comunque costringe il CdR ad un cambio percorso per un salto a sinistra a 45°. L’arrivo dell’ultimo concorrente dopo le 17.00, termine ultimo per poter dare  partenze, costringe il CdR a mandare i concorrenti ai propri ormeggi, anche il vento è dello stesso avviso, calando vistosamente in intensità.

Due splendide giornate di grande vela che hanno coronato la conclusione per il 2018 del Circuito NARC. Grande soddisfazione da parte dei regatanti per la professionalità del CdR, la bellezza della location e per le condizioni meteo che hanno regalato a tutti 2 bellissimi giorni di sole e di vento.

 

Lascia un commento