World Cup Series, storica doppietta italiana nel Nacra 17

Medaglia d’oro e d’argento agli equipaggi italiani del Nacra 17, un risultato fantastico che arriva oggi al termine di una difficile Medal Race, prima rimandata, poi annullata ed infine disputata con vento leggero. Ruggero Tita e Caterina Banti (GS Guardia di Finanza/CC Aniene) vincono la World Cup Series Final sul futuro campo olimpico di Parigi 2024 con una serie di risultati quasi perfetti che si chiudono con un sesto posto nell’ultima prova a punteggio doppio di oggi. A nove punti di distanza l’altro equipaggio della squadra azzurra, Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (GS Fiamme Azzurre/CC Aniene) medaglia d’argento al termine di una settimana altrettanto soddisfacente che termina con una Medal Race in cui avrebbero potuto perdere posizioni rispetto al terzo posto di ieri ed invece ne hanno conquistata una, salendo di un posto sul podio con un terzo di giornata.

Terzi in classifica generale e quindi medaglia di bronzo, i Campioni del Mondi in carica, i britannici Ben Saxton e Nicola Boniface, quarti nella prova a punteggio doppio di oggi, vinta dai vincitori di classe alle Olimpiadi di Rio 2016, gli argentini Santiago Lange e Cecilia Carranza Saroli.

Ruggero Tita (GS Guardia di Finanza):
“Per noi la settimana è andata alla grande, ieri con vento abbiamo ottenuto ottimi risultati, era dai tempi dell’Optimist che non facevo quattro primi di fila!! Ora dobbiamo andare avanti così con i piedi ben piantati per terra.”

Caterina Banti (CC Aniene):
“Siamo molto contenti! Ora avanti così. È stata una bella settimana soprattutto la giornata di ieri con 4 primi. Il livello era alto anche se qualcuno mancava, si stanno allenando ad Aarhus, noi adesso ci riposeremo per una settimana e poi torneremo sul Lago di Garda ad allenarci in vista degli Europei in Polonia e del Mondiale di Aahrus. Gli allenamenti di tutta questa stagione ci stanno aiutando molto sia tecnicamente che dal punto di vista fisico.”

Vittorio Bissaro (GS Fiamme Azzurre):
“Sono molto felice e soddisfatto per due motivi: il primo è ripensare a tutta la stagione con un inizio in salita che con il lavoro e la dedizione ci ha permesso di raggiungere questo bellissimo risultato; il secondo pensiero va alla squadra, grazie all’impegno del coach Gabriele Bruni e di tutto il team siamo riusciti a creare un clima di lavoro propositivo e costruttivo. Infine voglio ringraziare Ruggero e Caterina (Tita e Banti, ndr) con cui abbiamo avuto sempre un rapporto di stimolo reciproco improntato sulla massima trasparenza che ci ha portato a raggiungere un risultato fantastico per l’Italia”.

Maelle Frascari (CC Aniene):
“Tutte le criticità di questa stagione sono servite tanto, dopo un inizio a Palma un po’ ingolfati abbiamo cominciato a scioglierci a Hyères e qui abbiamo raccolto il lavoro fatto durante la stagione. L’allenamento fisico svolto ci ha permesso di conoscere i nostri limiti e di poter spingere con consapevolezza. Come mi sento adesso? Affamata in tutti i sensi, adesso vogliamo mantenere questo livello e continuare a crescere”.

Gabriele Bruni, Tecnico Federale Nacra 17:
“Non c’è gioia più grande per un allenatore che portare due equipaggi al primo e secondo posto in una regata con un livello di partecipanti così alto. È stato molto importante il lavoro fatto quest’inverno e la cura che abbiamo dedicato alle appendici che ci hanno permesso di arrivare alle regate pensando solo all’aspetto tattico, avendo ben chiare le regolazioni da adottare. Sono particolarmente contento del lavoro fatto con le prodiere che hanno svolto un lavoro fisico e di preparazione senza mai tirarsi indietro”.

Michele Marchesini, Direttore Tecnico FIV:
“Un risultato molto importante nella classe Nacra 17 in una flotta di altissimo livello dove piazzare due equipaggi ai primi due posti è un risultato di rilievo assoluto, anche se non totalmente inaspettato. Durante l’inverno è stato fatto un ottimo lavoro sia di quantità che di qualità e l’Italia si conferma nazione di riferimento per il catamarano misto. La Medal Race di oggi non era facile, condizioni di vento leggero e molto “bucato”. Bissaro e Frascari l’hanno affrontata al meglio e Tita – Banti sono stati molto solidi. Complimenti ai 4 ragazzi, all’allenatore Gabriele Bruni a tutto lo staff FIV con il preparatore atletico, il rules advisor e il fisioterapista”.

Francesco Ettorre, Presidente Federazione Italiana Vela:
“Un bellissimo risultato, uno step importante perché il percorso è fatto di tanti passaggi e questo è significativo. Il risultato di squadra sta a significare che tutto lo staff sta lavorando con grande serenità e professionalità. Abbiamo sempre creduto in questa squadra e voglio complimentarmi con tutti, anche con chi lavora dietro le quinte, per l’ottimo lavoro svolto. Un aspetto importante è stato sicuramente quello di aver lavorato con programmazione, abbiamo pianificato la stagione sacrificando alcune regate importanti per poter arrivare nel miglior modo possibile agli appuntamenti cruciali della stagione. Complimenti a Ruggero per il risultato e sottolineerei il ritorno di Vittorio a questi livelli che è un segnale di crescita per tutto il gruppo.”

Si concludeva oggi anche la Finale di World Cup per le tavole a vela RS:X maschile e femminile. Negli uomini un podio tutto francese, Pierre Le Coq è primo – come a Hyères per l’atto tre della World Cup Series – seguito da Thomas Goyard e da Louis Giard. I nostri Carlo Ciabatti (Windsurfing Club Cagliari) e Antonino Cangemi (CC Roggero di Lauria), sono rispettivamente 16esimo e 18esimo. Nell’RS:X femminile, le prime quattro classificate sono racchiuse in cinque punti, la prima è l’israeliana Noga Geller, seguita dall’olandese Lillian de Geus e bronzo alla russa Stefania Elfutina. Gli azzurri delle tavole a vela sono impegnati in una sezione di allenamenti già in programma ad inizio stagione, con le ragazze a Tarragona, in Spagna, in vista dei Giochi del Mediterraneo di fine mese che si terranno proprio qui, mentre i ragazzi sono in Toscana.

Domani sarà la volta delle Medal Race di Laser, Laser Radial, Finn e 470 maschile e femminile e l’Italia avrà i suoi rappresentanti: nei 470 femminili Elena Berta con Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare / Yacht Club Italiano) sono terze (7, 6, 8) con le prime due imprendibili, 22,7 punti dalle seconde – Mas Depares/ Cantero Reina ESP – e 30,7 dalle prime Mills/McIntyre GBR – scenderanno in acqua domani per difendere la posizione e conquistare il bronzo. Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare)saranno nella Medal Race dei ragazzi partendo dall’ottava posizione con il podio a 20 punti di distanza, oggi chiudono la serie delle qualificazioni alla grande con un primo posto finale! Gli altri parziali di giornata sono un 17, che scartano, ed un settimo posto.

Nei 470 femminili termina in 18esima posizione l’equipaggio con Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (YCI) e nella flotta maschile chiudono tredicesimi Matteo Capurro e Matteo Puppo, anche loro dello Yacht Club Italiano.

Un altro atleta italiano in Medal Race è Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza) che sfodera nell’ultima giornata di qualificazioni la sua migliore prestazione della settimana con una vittoria, un quinto ed un quarto posto. E’ sesto in generale a 19 punti dal terzo, il britannico Nick Thompson, secondo al momento è il tedesco Philipp Buhl e primo il norvegese Hermann Tomasgaard. Marco Benini (CC Aniene) e Nicolò Villa (CV Tivano) sono dodicesimo e tredicesimo, mentre Zeno Gregorin (SV Cosulich) chiude la Finale di World Cup Series in 23esima posizione. Nei Laser Radial Francesca Frazza (FV Peschiera) termina la settimana di Marsiglia al 23esimo posto una classifica condotta dalla belga Emma Plasschaert che ha ben 16 punti sulla seconda, l’ungherese Marla Erdi, e terza ad oggi la finlandese TuulaTenkanen.

Lascia un commento