4 Bordi in Adriatico e Trofeo della Pila, ecco come è andata

 

Domenica scorso è entrata nel vivo anche l’attività organizzativa del Circolo Nautico Chioggia con la seconda regata stagionale per il circuito dell’Open, la storica 4 Bordi in Adriatico che assegna il Trofeo della Pila alla prima imbarcazione Open al traguardo in tempo reale.

Anche quest’anno la regata è disegnata su un percorso che porta a Foce Adige e alle Tegnue, ma dopo lo “scherzetto” dello scorso anno che aveva portato all’annullamento della regata perché mancava la tradizionale meda di Foce Adige, quest’anno il CO del CNC è corso ai ripari portando una boa fino alle coordinate della vecchia meda.

Una ventina le imbarcazioni presenti equamente divise tra Crociera (vele bianche) e Regata (tuttevele), un numero non esaltante rispetto al recente passato di questa regata che con questo percorso era piaciuta molto arrivando alla quarantina di imbarcazioni, ma comunque soddisfacente tenuto conto anche delle concomitanze.

La regata è stata piacevole, con uno scirocco che sembrava promettere un percorso veloce ma che si è andato attenuando superata la foce del Brenta, bello il duello in testa tra l’X362 GAUCHO BAGIGIA di Roberto Tiozzo che si è allungato nel tratto di bolina e il Melges 24 MARRAKECH EXPRESS di Roberto Doria autore invece di un prodigioso recupero nelle andature portanti e che alla fine ha conquistato di poco le Line Honours.

Belle le prove anche di IMPETUOSA di Martina Beda 3° all’arrivo in reale e del J24 socialeGAIA condotto da Michele Bellemo, 4° all’arrivo a precedere il primo vele bianche che è stato il Grand Soleil 343 ATHENA diGiovanni Berto. A terra le classifiche in tempo compensato consegnavano le vittorie di classe a GAUCHO BAGIGIA (Regata Classe A) e DAIANA (Regata Classe B), ATHENA (Crociera Classe A) e ECLISSE (Crociera Classe B) mentre nel raggruppamento Minialtura la vittoria rimaneva al velocissimo MARRAKECH EXPRESS su GAIA e il Meteor REFOLO; il primo Open al traguardo è stato GAUCHO BAGIGIA che ha così conquistato il Trofeo della Pila.

 

Lascia un commento