Campionato Italiano Minialtura, subito tutti ad inseguire Mind the Gap

Con tre splendide prove ed un vento compreso tra i 7 ed i 15 nodi  ha preso il via oggi a Chioggia l’edizione 2018 del Campionato Italiano Minialtura, la manifestazione  organizzata da Il Portodimare con il patrocinio del Comune di Padova e del Comune di Chioggia, su delega della Federazione Italiana Vela, dell’Autorità generale dell’ORC e dell’ Associazione di Classe UVAI.

Alle 12, come da programma, il comitato di regata presieduto da Sandro Fabietti ha dato lo start alla trentina di imbarcazioni presenti all’evento che si sta disputando per la terza volta in cinque anni sul campo di regata situato antistante la spiaggia di Sottomarina.

Protagonista di giornata è il Fat 26 del duo di armatori Nicolò Cavallarin ed Edoardo Marangoni che, timonato da Enrico Zennaro con alla tattica l’olimpionico Karlo Hmeljack e Nicola Zennaro alle drizze ottiene tre primi posti che lo proiettano al vertice della classifica generale. “Per noi è stata una prima giornata estremamente positiva – commenta Edoardo Marangoni – e senza alcun dubbio gli allenamenti svolti nei giorni scorsi ci hanno aiutato a conoscerci meglio e ad affiatare l’equipaggio“.

Giornata da incorniciare anche per Arkanoè by Montura, il Melges 24 di Sergio Caramel che grazie a tre seconde posizioni è secondo in classifica distanziato di appena tre punti dal leader. “Possiamo ritenerci assolutamente soddisfatti della giornata odierna – è il commento del giovane skipper padovano – i risultati ottenuti, su un ottimo campo di regata e appena dietro a Mind the Gap che oltre ad essere una gran barca ha anche un equipaggio molto forte, ci rende davvero contenti.

Si preannuncia invece infuocata la lotta per il terzo posto, occupato al termine delle prove odierne da Gio.Chi, il Blu Sail 24 di Andrea Cittadini.

Viste le previsioni meteo per la giornata di domani, effettuate da Riccardo Ravagnan di Meteomed,  il comitato di regata ha ritenuto opportuno fissare il segnale di partenza per la giornata di domani alle ore 12. “Continua a far da padrone l’instabilità meteorologica – spiega Riccardo Ravagnan – ed è questa a rendere difficile l’interpretazione delle condizioni al contorno che, pesantemente, influiscono sui risultati previsionali. Per la giornata di sabato ci aspettiamo una giornata soleggiata, visibile attività cumuliforme su Alpi e Prealpi, con l’innesco di una brezza termica che potrebbe però essere localmente ritardata per effetto della marea calante. Tra le 13 e le 14 ci aspettiamo una crescita progressiva dell’intensità per una direzione media di 140/150°. Le ore che precedono l’attivazione della termina saranno probabilmente caratterizzate da assenza di vento o molto debole direzione settentrionale instabile. Confermato a partire da domenica un nuovo peggioramento che interesserà l’Italia. Dalla Francia arriverà infatti una perturbazione associata ad una pronunciata saccatura dal Nord Atlantico.

Tutte le classifiche su italianominialtura2018.it

Lascia un commento