Jimmy Spithill, le sue prime parole dopo il ritorno su Luna Rossa

Come già anticipatoe poi confermato – da Velaveneta.it, lo skipper e timoniere australiano Jimmy Spithill sarà a bordo di Luna Rossa per la sfida italiana all’America’s Cup del 2021.

Il 38enne, pluricampione del mondo di flotta e match race, è ora più che mai desideroso di riconquistare la “Vecchia Brocca” dopo aver perso contro Emirates Team New Zealand nel 2017.

Riportiamo di seguito una intervista realizzata da Red Bull al velista australiano, due volte vincitore della Coppa America.

Allora Jimmy, come ci si sente a ricongiungersi con Luna Rossa Challenge dopo averli portati alle finali della Louis Vuitton Cup all’America’s Cup nel 2007?

E ‘bello essere tornati con Luna Rossa Challenge – Ho molti bei ricordi dei quattro anni trascorsi a Valencia durante l’AC 32, e questa volta sono rimasto impressionato dagli strumenti, dalla tecnologia e dalle persone che hanno messo in atto. È un grande mix di esperienza, nuova energia ed entusiasmo in un ambiente aperto: la preparazione di una grande squadra.

Hai una vasta esperienza e, presumibilmente, un sacco di apprendimenti che porti sul tavolo?

Naturalmente come un concorrente stai imparando sempre, e dall’ultima gara di AC 35, ho pensato ogni giorno all’America’s Cup. Naturalmente, si passa alla campagna precedente pezzo per pezzo, concentrandosi su tutti i momenti chiave e le decisioni durante i quattro anni. Ultimamente sono stato in grado di capire come funzionavano molti degli altri team e questo di per sé è molto istruttivo.

Qualche conclusione?

Alla fine, mi sono distinte due cose: confidare nel mio istinto è la chiave, e la fame è diventata più forte.

E a proposito delle tue esperienze passate, la tua collaborazione con Oracle Team USA ha portato alcuni momenti emblematici della vela. Quando guardi indietro, cosa ti viene in mente?

Che viaggio fantastico, con persone fantastiche. Senza Larry Ellison e Russell Coutts, non avrei mai potuto arrivare a questo punto della mia carriera. Sono fortunato ad aver potuto lavorare a fianco di alcune delle persone di maggior successo nello sport e negli affari, e fortunato di poterli chiamare buoni amici. Non vedo l’ora di raggiungerli in futuro.

È stato annunciato che la barca per l’America’s Cup 36 è un monoscafo AC75. Primi pensieri?

La barca sarà una bestia. Mi ricorda America’s Cup 34 e l’AC72 sventolando catamarani. Nulla di simile era stato fatto prima e questa barca è all’avanguardia della tecnologia. Ci sono un sacco di incognite con l’AC75, che spingerà le persone al limite e sfiderà davvero tutte le squadre coinvolte. Tuttavia, questa sfida e questa difficoltà sono davvero allettanti, e sono davvero entusiasta di essere tornato in gioco.

E quali sono i tuoi pensieri sul trasferimento in Italia?

L’ultima volta con la sfida di Luna Rossa è stata la campagna di Valencia e ci siamo trasferiti direttamente in Spagna – questa volta non vedo l’ora di vivere in Italia. Personalmente, ho avuto un sacco di successi e gareggiare in Italia, e lo stile di vita e soprattutto il cibo sono fantastici! Amo la cultura italiana, il paesaggio e le persone. Devo ammettere, però, che dovrò lavorare sul mio italiano.

Qualche domanda a ruota libera sulla cultura italiana…

Il tuo piatto italiano preferito? Margherita bufala

Pasta o pizza? Entrambi.

Il tuo gelato preferito? Stracciatella.

Puoi giurare in italiano? Eccezionalmente bene!

La tua frase italiana preferita da quello che puoi parlare della lingua fino ad ora? Va bene.

La tua squadra di calcio italiana preferita? La Juventus.

Trasporto pubblico o Ferrari? Ducati.

Lascia un commento