America’s Cup, il punto di Emirates Team New Zealand sulla sede

 

Emirates Team New Zealand ha dichiarato oggi di aver lavorato con una varietà di opzioni di base sia con il governo che con il Consiglio, ma non ha ancora concluso discussioni che soddisfino tutti gli obiettivi delle parti.

Come tutti gli abitanti di Auckland, Emirates Team New Zealand è davvero favorevole a ripulire il parco serbatoi e creare un grande spazio sul lungomare e si compiace che vincendo l’America’s Cup abbia creato l’impulso per la rimozione concordata dei carri armati Stolthaven.

L’uscita di oggi del piano alternativo da parte del governo e il suo sostegno da parte del Consiglio è stata una sorpresa per Emirates Team New Zealand, ha dichiarato il CEO Grant Dalton.

“Siamo sorpresi dal rilascio del piano del governo a questo punto, dal nostro punto di vista stiamo ancora lavorando insieme verso un accordo finale”.

In una riunione tenutasi ieri con il governo, i funzionari del Consiglio, ingegneri e architetti, Emirates Team New Zealand ha presentato un piano che offre un villaggio di eventi contenuto e vibrante sui moli di Halsey e Hobson, senza la necessità di costruire su Wynyard Point, a costi significativamente inferiori di quello che il governo ha presentato oggi.

“Emirates Team New Zealand è sempre esistita con la priorità assoluta di risparmiare denaro, laddove possibile, e l’opzione che abbiamo presentato ieri ha la capacità di risparmiare decine di milioni di dollari”, ha spiegato Dalton.

“Mentre siamo al 100% dietro la rimozione dei carri armati, i tempi sono una considerazione estremamente significativa nella pianificazione di questa America’s Cup. E riteniamo che la nostra opzione presentata al governo e al Consiglio, ieri, elimini il potenziale di imprevisti in termini di tempo e denaro quando si tratta di terreni contaminati, fattori che nessuna delle parti interessate può permettersi nel consegnare l’evento nei tempi e nel budget “.

Il piano presentato da Emirates Team New Zealand include l’estensione Halsey di 75 metri, già in fase di elaborazione del Resource Consent con riconfigurazione delle basi e la possibilità di ospitare fino a 7 team su Halsey e Hobson Wharfs tutti ben all’interno dei confini di le banchine vicine esistenti.

“Questa opzione consente un villaggio di eventi molto più contenuto che è sempre stato importante per un evento di livello mondiale”, ha spiegato Dalton.

“Siamo profondamente consapevoli dei costi e crediamo che qualsiasi riduzione dei costi e dei costi di costruzione debba essere presa seriamente in considerazione”.

“A questo punto vogliamo ribadire chiaramente il nostro impegno costante a ospitare l’evento ad Auckland nel 2021 e speriamo di poter continuare a lavorare per raggiungere un accordo condiviso con governo e Consiglio”, ha concluso Dalton.

 

Lascia un commento