Ritorna il gioco della Volvo Ocean Race

La nuova edizione del gioco, che sarà lanciato in concomitanza con la partenza del Prologo il prossimo 8 ottobre, include sia le tappe offshore che le regate costiere, proprio come accade nella realtà.

Con le sue 45.000 miglia, la Volvo Ocean Race è l’evento più duro e impegnativo della vela e un test di resistenza e carattere per gli atleti che compiono il giro del mondo su barche di 65 piedi in carbonio, pensate per poter coprire grandi distanze, fino a 500 miglia al giorno, e far registrare velocità superiori ai 30 nodi.

In ognuna delle sedi di tappa si svolge una regata costiera, la cosiddetta in-port  e, per la prima volta da quest’anno anche i giocatori virtuali avranno la chance di mettere alla prova le loro abilità sui percorsi brevi.

Nel corso della passata edizione 2014/15 il Volvo Ocean Race Game ha visto la partecipazione di oltre 200.000 skipper, che si sono confrontati fra di loro e anche con i velisti della flotta del giro del mondo.

Anche per l’edizione 2017/18 si rinnova la collaborazione con Virtual Regatta, uno degli sviluppatori  leader al mondo con oltre 1 milione di giocatori l’anno, per fornire la migliore esperienza di gioco possibile.

Ogni giocatore navigherà virtualmente non stop, 24 ore al giorno e 7 giorni alla settimana nel corso di ogni tappa e avrà la possibilità di scegliere la migliore configurazione e la miglior rotta per aggiudicarsi la vittoria, correndo con le condizioni meteo reali presenti sul campo. Il gioco sarà disponibile su tutte le diverse piattaforme, inclusi il web e le app iOS e android.

La prima tappa con cui scaldare i motori è il Prologo, sulla rotta da Lisbona in Portogallo  ad Alicante in Spagna, dove ha sede la regata. La partenza verrà data alle ore 13.50 locali (le 14.50 italiane) di domenica 8 ottobre e dovrebbe concludersi dopo quatto giorni, un assaggio di quello che aspetta i giocatori nella prima tappa in calendario per il 22 ottobre.

Volvo Ocean Race e Virtual Regatta hanno stabilito che tutti i proventi generati dalla tappa di prologo saranno donati alla campagna Clean Seas, che fa parte del programma ambientale delle Nazioni Unite.

Lascia un commento