Campionato Assoluto di Vela d’Altura, il commento finale

Gran finale per il Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili” organizzato dallo Yacht Club Hannibal in collaborazione con la Federazione Italiana Vela (FIV), l’Unione Vela d’Altura Italiana (UVAI) e il Comune di Monfalcone disputato nel Golfo di Panzano dal 20 al 24 giugno.

Un Campionato da record, con 75 imbarcazioni iscritte, da incorniciare per tanti aspetti: la varietà di condizioni meteo, che ha obbligato a diverse strategie, 8 prove disputate su 8 in programma, un campo di regata tecnico e un livello agonistico molto alto.
La conclusione ieri sera presso l’Hannibal Village, che per cinque giorni è stato il cuore degli eventi a terra del Campionato, con la Cerimonia di Premiazione alla presenza delle autorità e del Sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, che ha sottolineato lo stretto legame tra la città e la vela.

In una sala gremita, sono stati assegnati i premi speciali messi in palio dallo YC Hannibal ai primi tre di ogni raggruppamento.
Il primo Overall del Gruppo A, Altair 3 di Sandro Paniccia e del B, Mummy One Lab.met di Alessio Querin sono stati premiati con il Trofeo Stroili, consegnato dall’A.D. Maurizio Merenda.
I premi speciali Banca Generali Private Banking, una fusione in bronzo dell’artista Leonardo Chionna, sono andati invece alla prima imbarcazione straniera del Gruppo A, Fever di Klaus Diederichs, del B Sugar di Ott Kikkas e al timoniere più anziano, Natale Camerotto del Team Sistiana Columbia.

Il Trofeo dei Tre Mari dell’UVAI è stato consegnato dal Presidente Fabrizio Gagliardi ai vincitori del Gruppo A Selene Alifax di Massimo De Campo e del Gruppo B Mummy One di Alessio Querin, mentre i Trofei Armatore-Timoniere sono andati a Sandro Paniccia di Altair 3 per il Gruppo A e a Corrado Annis di Lady Day per il B.

Grande emozione e un incontenibile entusiasmo sono esplosi sulle note di “We Are the Champions” che ha fatto da sottofondo all’annuncio dei 5 titoli di Campione Italiano Assoluto d’Altura 2017, consegnati dal Delegato Altomare FIV Donatello Mellina e dal Presidente della XIII Zona Adriano Filippi.

Il Campione italiano Vela d’Altura 2017 del Gruppo A, Classi 0-1-2 Regata (R) è Altair 3 di Sandro Paniccia (CV Portocivitanova), con Tiziano Nava alla tattica.
Sandro Paniccia “E’ un risultato importante e siamo veramente felici. Sono un velista amatore da tanto tempo e questa vittoria è gratificante per tutti noi, anche per il campo di regata così impegnativo e l’alto livello dei partecipanti. Questo successo è un premio anche ad una squadra molto affiatata, un gruppocoeso in mare ed altrettanto a terra.”
Tiziano Nava, tattico di Altair 3 “Siamo davvero soddisfatti di questo risultato che non ci aspettavamo, un giorno prima della fine del Campionato avevamo già la vittoria. Sono stati fatti numerosi interventi sulla barca e alle vele in preparazione del Campionato che era negli obiettivi di stagione e in acqua la barca ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto, sia nei confronti del resto della flotta, sia nelle nostre performance in altre regate.”

Campioni Italiani 2017 Gruppo B Regata i beniamini di casa YC Hannibal, Mummy One Lab.met, Farr 30 di Alessio Querin con Stefano Cherin alla tattica che commenta “Siamo un gruppo giovane e molto affiatato, dopo le vittorie del 2015 (Campionato Italiano Miialtura e Campionato Assoluto Altura gruppo B), abbiamo messo a punto la barca con l’obiettivo di ottenere buoni piazzamenti quest’anno. Ci crediamo molto e riuscire ad ottenere questi risultati con una barca del 1997 per noi è un risultato importante. Abbiamo cercato di prepararla al meglio, anche facendo molti lavori in team, come carteggiare la carena insieme, dando il massimo alla barca, che così poteva ripagarci dandoci qualcosa in più in regata. Siamo molto competitivi in condizioni di vento leggero, però dobbiamo ancora migliorar con vento più sostenuto, in vista del Mondiale ORC a Muggia, dove regaterò nel circolo che mi ha accompagnato nella campagna olimpica in 49er. Avere due eventi di questo livello nel nostro Golfo è un avvenimento unico e imperdibile per noi giovani.”

Nella Classe 1 Crociera-Regata, il Campione italiano è Duvetica Grey Goose, Arya 415 di Naibo/Valente (YC Portopiccolo) con Furio Benussi alla tattica “Sono state otto prove molto impegnative, abbiamo avuto qualche problema in partenza, sempre molto affollata e i primi due giorni eravamo sotto i nostri target. Siamo riusciti a centrare l’obiettivo del Campionato, grazie a tre belle prove nel penultimo e ultimo giorno di regata, dove è emerso il grande lavoro di preparazione fatto sulla barca e sul team da marzo ad oggi.” Soddisfatto anche il co-armatore Carlo Naibo “Due anni fa in questa giornata ho avuto un grosso incidente che ha cambiato le mie prospettive e ha dato il via ad un nuovo progetto, il Sailing Team Sempre Avanti, da una frase che mi ripeteva sempre mio padre. L’incontro con Furio e i ragazzi del Team ha portato ad una bella collaborazione finalizzata a dare il meglio in questa stagione 2017, che ci da l’opportunità unica di regatare ai massimi livelli nelle acque di casa.”

Classe 2 Crociera-Regata, il titolo va a Morgan IV, G.S. 39 di Nicola De Gemmis (CC Barion) che commenta “Il titolo conquistato quest’oggi è il premio a un gruppo meraviglioso, che lo ha costruito con grande passione. Mente e cuore erano tutt’uno e alla fine dell’ultima regata, i ragazzi del team hanno tirato fuori la bottiglia di spumante che di nascosto avevano portato in barca, per festeggiare. Mi sono commosso, la vittoria è dedicata a tutti loro.”

Classe 3 Crociera-Regata, i Campioni sono Lady Day 998 di Corrado Annis (YC Adriaco) “Siamo molto contenti, dopo quattro giornate intense e faticose abbiamo raggiunto un grande risultato, in un campionato con barche competitive in mezzo a tanti professionisti. Siamo ungruppo amatoriale che regata insieme dal 2013 e da quest’anno stiamo lavorando intensamente con la nuova barca e vediamo una crescita ad ogni regata. Ora ci riposiamo per tornare carichi al prossimo appuntamento mondiale.”

Lascia un commento