Al maxi Momo la line honours della Giraglia Rolex Cup

Alle 17:00 le arrivate in porto a Genova erano circa una trentina. Da stanotte alle 21:39, quando Momo ha tagliato la linea d’arrivo con un tempo di 32:52:04 dopo un impegnativo match race con il public enemy Caol Ila – separato da meno di 10 minuti dopo 241 miglia a vista – le barche sono arrivate con il contagocce per tutta la giornata di oggi.

Il grosso della flotta è poche miglia da Genova, prigioniero di un mare liscio, placido e come uno specchio. Ottimo spettacolo per i fotografi, un po’ meno per i regatanti cui il traguardo appare, probabilmente, come una linea dispettosa che si allontana sempre più.

‘Per noi è stata una regata molto interessante – racconta Michele Ivaldi, stratega, timoniere e anima di Momo – poche le sorprese meteo grazie alle precise analisi di Francesco Mongelli che si è confermato uno dei migliori ‘navigatori’ italiani. Caol Ila sempre velocissima e insidiosa non ci ha concesso il minimo sollievo, ma alla fine ce l’abbiamo fatto. Un vero piacere arrivare primi in reale, soprattutto perché sono alla mia prima Giraglia!’

A bordo di Momo, un piccolo dream team tutto italiano: oltre a Mongelli e Ivaldi, anche il prodiere Matteo Auguadro e Cristian Griggio. Quindi arrivi diluiti nella notte e nel corso della giornata con i Maxi che hanno chiuso entro la mattinata, seguiti dai veloci TP 52 e dai Cookson 50. (per la cronaca, Endlessgame con il talento sloveno Branko Brcine ha vinto sui due rivali Mascalzone Latino e Kuka 3).

Grande soddisfazione negli occhi e nelle parole di uno dei grandi personaggi della vela oceanica francese, Kito de Pavant presente alla Giraglia – e alle regate costiere – con il suo IMOCA 60 Bastide Otio. ‘Ho visto balene, tantissimi delfini e siamo riusciti a far camminare sempre la barca, nonostante non fosse proprio nelle sue condizioni ottimali. Abbiamo usato questa regata come una sorta di rodaggio, visto che Bastide Otio è in acqua da meno di un mese, e siamo molto soddisfatti’. Detto da un veterano degli oceani che ha doppiato Capo Horn a soli vent’anni e con tre Vandee Globe sul curriculum, che conserva però l’entusiasmo di un ragazzino.

Ottima regata per i ragazzi di Alfagroupclass40, Alberto Bona e Andrea Fantini, anche loro in fase di rodaggio e ben contenti per la loro vittoria nella classifica X2.

Difficile azzardare pronostici sul vincitore overall: per ora in cima alla classifica c’è il TP 52 Freccia Rossa, ma giochi ancora più che aperti fino all’arrivo del grosso della flotta.

Gli occhi di tutti sono puntati sul sistema di live tracking del sito www.giragliarolexcup.com la flotta procede, ma si potrà contare su qualche arrivo con il calare della notte.

Il tempo limite per l’arrivo è fissato per le 11:00 di domani, 17 giugno 2017. Grande successo per l’accoglienza degli equipaggi in banchina dove sono stati allestiti tavoli e cucine operative h 24. Stasera cena di gala nella sede dello Yacht Club Italiano e domani premiazione per il primo pomeriggio.

Per i risultati in tempo compensato e la classifica provvisoria si prega di cliccare qui

Lascia un commento