La ricca domenica della LNI Vicenza sul Lago di Fimon

Giornata ricca di impegni ieri presso il Lago di Fimon dove trova sede la sezione della Lega Navale Italiana di Vicenza.

Si inizia di mattina con il varo di Mascareta, una tipica imbarcazione veneziana totalmente in legna che, dopo un accurato restauro eseguito dalla Cooperativa “Nuova Vita” è tornata in acqua. Il ritorno in acqua è stato accompagnato da una folla di soci, amici e curiosi, sorpresi dalla maestosità della vela al terzo e dai colori di questa “vecchia signora” che finalmente torna a solcare le acque del lago.

Il video con il momento del varo

Successivamente al varo la LNI Vicenza ha organizzato la prima regata del Campionato del Lago. Vento leggero da direzione N-NE, 9 equipaggi al via con un classico percorso a bastone. In partenza si presenta davanti a tutti alla boa di disimpegno Tinti, il 420 sapientemente portato da Sanjai e Priscilla, che complice l’aria leggera sul secondo lato, staccano la flotta di qualche dozzina di metri; dietro inseguono i soliti noti, con Andrea Peraro in coppia con Ale Carta a bordo di Perarrow (470), Giacomo Finco ed Elena Costa su Nero (tri14), la coppia Caputo-Buson a bordo di Gina (tri16). Quest’oggi però sono scesi in acqua con Susy Blu (470) anche Squarzon-Rigo, due giovani promesse che hanno da poco scoperto la bellezza della vela, ma che hanno appreso da subito i trucchi del mestiere. I due infatti sono stati prepotentemente nel gruppo di testa chiudendo addirittura 3° in tempo reale. La flotta si sgrana in due grupponi, qualche metro più indietro infatti è lotta serrata tra Aldo(tri16) con Fincato/Rampazzo/Lampugnani incrociano la prua con Marangoni/Bisognin (tri14) e Mantovani/Bressan (Maretta touring). Questa infatti è rimasta in piena classifica per quasi tutta la regata anche se i campi di regata non sono propriamente il suo pane. Alla Fine l’hanno spuntata Andrea Peraro e Ale Carta con Perarrow ancora una volta davanti a tutti.


Lascia un commento