I Veneti in lizza per il titolo di Velista dell’anno 2016

Anche quest’anno il Giornale della Vela ha lanciato il premio più prestigioso della vela italiana, assegnato fin dal 1991. Il Velista dell’Anno se lo aggiudica colui che, sulla base delle preferenze espresse dai lettori, risulterà essere il velista che più ha emozionato nel corso della passata stagione.

Saranno quindi i vostri voti a decretare chi farà parte della rosa dei candidati alla vittoria finale, tra i quali sarà svelato, in occasione del VELAFestival (dal 4 al 7 maggio a Santa Margherita Ligure), durante la Serata dei Campioni (venerdì 5 maggio alle ore 19), il Velista dell’Anno TAG Heuer 2017 e tutti i vincitori degli altri premi (Performance, #don’tcrackunderpressure, Innovation e Young).  Il sondaggio sarà attivo fino alle ore 12 del 15 febbraio. Passeranno il primo turno i 50 candidati più votati. Per il voto, che potrà essere dato a un solo candidato, vi verrà chiesto di inserire la vostra mail.

Clicca qui per votare il velista dell’anno

Come funziona il Velista dell’annoSchermata-2017-01-19-a-11.49.52

Sono in totale 4 (alcuni dei quali in coppia) i candiati alla vittoria finale provenienti dal Veneto ed inseriti nel listone dei 100 velisti selezionati mediante classifiche, articoli e segnalazioni dei lettori alla mano. Di seguito li trovate elencati in rigoroso ordine alfabetico.

Andrea Cavagnis e Enrico Zennaro / Mind the Gap (Fat 26)


Che doppiettta per l’armatore del Fat 26 Mind The Gap, protagonista assoluto della Minialtura italiana: ha infatti trionfato sia al Campionato Italiano che all’Europeo (a bordo c’era anche un ottimo Enrico Zennaro, in qualità di tattico). Questi risultati gli sono valsi anche la conquista del premio Armatore dell’Anno UVAI nella sua categoria.

Gaia Bergonzini

Dopo aver vinto l’argento al Mondiale femminile nel 2015, e l’Italiano davanti ai maschietti, la quindicenne Gaia Bergonzini nel 2016 ha conquistato anche il titolo Europeo Optimist femminile. Hip hip urrà per la più forte optimista italiana!

Matteo Pilati e Francesco Rubagotti

I due velisti “volanti”, a bordo dei catamarani con i foil Flying Phantom, hanno vinto il bronzo al Red Bull?Foiling Generation di?Newport, confermandosi assoluti talenti della vela del futuro.

Roberto Reccanello / Due R nel Vento (Beneteau First 40)

Roberto Reccanello (il Portodimare), armatore di un veloce First 40, quest’anno ha fatto parlare di sé soprattutto grazie alla vittoria del Campionato Italiano ORC?nella categoria 2 Crociera.

Lascia un commento