Venezia, stazioni comunali taxi: interventi di completamento delle strutture

La Giunta comunale durante l’ultima seduta del 2016 ha approvato una delibera riguardante gli interventi di completamento delle strutture delle stazioni comunali dei taxi date dal Comune di Venezia in concessione: Piazzale Roma Santa Chiara, Piazzale Roma rio Novo, Ferrovia, Ferrovia Scalzi, San Marcuola, Rialto Cerva, Rialto riva del Carbon, San Marco Todaro, San Zaccaria Monumento, San Zaccaria Danieli, Riva degli Schiavoni Ca’ di Dio, Tronchetto, Lido Tempio votivo.

Dopo i lavori di manutenzione straordinaria dei pontili avviati dalla Direzione comunale Mobilità e Trasporti, su richiesta del Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro (Spisal) dell’Azienda Ulss 12, con interventi sui pali d’ormeggio, sui parapetti, sul piano di calpestio, l’approvazione di questa delibera dà il via libera al completamento delle strutture delle stazioni dei taxi, con la realizzazione delle tettoie, delle maniglie e degli impianti di illuminazione. Gli interventi, approvati dalla Soprintendenza, saranno portati a termine entro fine settembre 2017. Inoltre si è optato per includere nel progetto anche i lavori di adeguamento del pontile “nolo sul Canal Grande presso riva del Vin”, in quanto utilizzato dagli stessi operatori taxi durante il servizio di “nolo con conducente”.

“La decisione di intervenire in modo così diffuso ed ampio – ha affermato l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto – qualifica ulteriormente un servizio come quello dei taxi, molto importante per l’economia della città. Verranno ripristinate tettoie, pali, corrimano di 12 pontili distribuiti in tutta la città, per un importo complessivo di 100mila euro. Questa somma verrà messa in gara agli inizi del 2017 con i lavori che partiranno a giugno, a conclusione delle procedure di gara. Si tratta di una scelta fondamentale attesa da tempo dalla categoria ed un nuovo sostegno all’occupazione e al lavoro”.

In generale il completamento della messa a norma dei pontili riguarda:

– la realizzazione di tettoie o ripari, in corrispondenza dei pontili che ne sono sprovvisti, realizzate con intelaiatura in acciaio inox AISI 316L (montanti e travi) analoga a quelle già esistenti ed autorizzate, comprendenti: montanti completi di fori ed imbocchi per il deflusso delle acque meteoriche e collegati al canale di gronda, profili quadri/travi inox in sommità ai montanti; intelaiatura superiore in tubi o profili con funzione di supporto del tessuto di copertura con forma a doppia falda, piastre e viteria inox, grondaie laterali inox sp. 6/10 mm collegate ai montanti, cappottina in tessuto da esterno con colore da concordare, frontoncini in carter inox contenenti la scritta “TAXI”;

– maniglie da installare sui fianchi dei parapetti lignei o dei montanti delle tettoie, in acciaio inox AISI 316L con profilo tubolare Ø40 mm, lunghezza 80 cm circa, estremità ricurve con piastrina di base per fissaggio con viti al supporto ligneo oppure mediante saldatura sulle tettoie;

– realizzazione o completamento degli impianti di illuminazione.

Non sono previste significative opere di demolizione, comunque, eventuali punte di palo ritrovate durante le operazioni di predisposizione dell’opera dovranno essere portate a discarica. Trattandosi di rifiuti di elementi lignei, privi di sostanze tossiche e pericolose possono essere conferiti nella vicina discarica dell’isola delle Tresse. Inoltre i pontili sui quali si prevede di intervenire risultano già adeguati od autorizzati dall’Ufficio EBA e non verranno modificate le estensioni o la geometria dei pontili stessi.

Lascia un commento