Presentata “Scossa”, la nuova imbarcazione elettrica in servizio lungo il Canal Grande

Trasporterà fino a quaranta passeggeri lungo il Canal Grande inquinando molto meno rispetto alle altre imbarcazioni e non facendo rumore. Si chiama “Scossa” ed è la nuova imbarcazione con motore elettrico costruita per Alilaguna dai Cantieri Vizianello, in collaborazione con Siemens Italia – Divisione Nautica. La presentazione del prototipo, con il primo viaggio inaugurale da Ca’ Farsetti a San Marco, è avvenuta questa mattina alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, del presidente di Alilaguna, Fabio Sacco, del Country Division Lead Digital Factory and Process Industries and Drives Siemens Italia, Giuliano Busetto, e di Moreno Vizianello, Amministratore Delegato di Cantieri Vizianello S.r.l.

“Questo risultato – ha spiegato il primo cittadino – è l’esempio di una città che crede nelle tecnologie e nella modernità. Ringrazio le aziende impegnate in questo progetto per l’entusiamo e l’impegno con cui hanno lavorato per mettere a disposizione della città un mezzo di trasporto green, con un risparmio di consumi di carburante, una totale assenza di inquinamento quando l’imbarcazione va a motore elettrico, una significativa diminuzione di emissioni nell’atmosfera quando marcia con il generatore e una mancanza di rumore. E’ la strada del futuro, che stiamo percorrendo anche con Toyota con le auto a idrogeno. Così si combatte il PM10, – ha evidenziato il sindaco – con la tecnologia”.

L’imbarcazione, costata 700mila euro, verrà impiegata sulla linea Arancio di Alilaguna che attraversa il canal Grande. Percorrerà con un motore elettrico, da 180kW, il tratto tra il Ponte delle Guglie e Piazza San Marco per poi raggiungere l’aeroporto a gasolio e ricaricare nel tragitto le batterie per il viaggio di ritorno in Centro storico.

Lungo quasi 15 metri e largo 3,20 metri, il battello “Scossa” può trasportare 40 persone con un posto riservato ai passeggeri con disabilità. “L’utilizzo di soluzioni sostenibili nella nautica – ha spiegato Sacco – già diffuso nella crocieristica, è invece sporadico nel naviglio minore. E’ un piccolo contributo alla sostenibilità della città in cui crediamo molto e che ci induce a proseguire su questa strada con la creazione di nuovi mezzi green”.

Lascia un commento