Concluso a Lignano il Campionato Autunnale della Laguna

Sipario calato sul 28mo Campionato Autunnale della Laguna, che ha impegnato in mare per un mese i regatanti dell’altura.

La prima giornata del 13 novembre e l’ultima del 3 dicembre hanno offerto condizioni ottimali per la disputa delle prove, le due domeniche intermedie del 20 e 27 novembre non hanno invece premiato le fatiche dei velisti con due giorni di nebbia fitta e persistente che ha impedito la disputa di regate. Tre le prove valide disputate per le classi Open ed ORC, quattro per le imbarcazioni del diporto.

Tra gli ORC, nella divisione Regata, vince il Farr 40 Marinariello di De Bona, con un equipaggio composto in larga parte da giovani locali, secondo Furkolkjaaf di Polo e terzo l’inossidabile Marchingenio di Cividin. Nella divisione Crociera si impone tra le Classi 1 e 2 Vahinè 5 di Berton su Dara 3 di Morelli e Renoir di Pellegrini. Tra le Classi 3 e 4, il vincitore è invece William B di Bottecchia, davanti a Barraamundi di Frighetto e First of All di De Faveri. Nella categoria Open la vittoria è per Victor X di Margherita nella classe Zero, DaraIII, lo Sly 42 di Morelli, in classe Alfa, Marinariello domina la classe Bravo, William B la Charlie e Raira di Nicolè è il predatore della classe Delta. Nel Diporto i vincitori di categoria sono Lady Killer nella Alfa, Città di Fiume 2 nella Charlie, Shaula nella Delta e Sogno Blu nella Foxtrot.

Come da tradizione, la serata del 3 dicembre ha avuto il suo finale con le premiazioni, con la gradita presenza dell’Assessore allo Sport della Città di Lignano Massimo Brini e di Paola Piovesana, direttrice di Punta Faro e supporto imprescindibile dello Yacht Club Lignano, che ospita con entusiasmo la regata insieme a Marina Sant’Andrea a San Giorgio. La chiusura del Campionato è anche occasione per lo Yacht Club per abbracciare i giovani derivisti alla conclusione della stagione agonistica, oltre che per offrire agli Juniores un assaggio d’altura. A seguire si è svolta la scoppiettante festa di fine campionato.

Lascia un commento