Guardia Costiera, controlli nei ristoranti: Sequestrati oltre 570kg di prodotti ittici

Ieri 11 ottobre, il Nucleo Ispettori Pesca della Guardia Costiera di Venezia, nell’ambito della più ampia attività di controllo della filiera ittica ha effettuato, in collaborazione con il Servizio Veterinario ed il SIAN dell’ULSS 12 – Veneziana, un sopralluogo presso un ristorante di “sushi” nell’area commerciale di Mestre.

La verifica effettuata, ha portato al sequestro e alla distruzione di 570 kg di prodotti ittici, preparati e carni promiscue, a causa della totale assenza di informazioni sulla provenienza ed all’elevazione di sanzioni amministrative per circa 15.000 euro. Inoltre, alla titolare dell’esercizio è stato notificato un provvedimento di sospensione dell’attività commerciale fino al pristino delle condizioni igieniche minime.

L’attività di controllo della ristorazione etnica proseguirà anche nei prossimi giorni al fine di garantire quanto più è possibile la salute dei consumatori.

Come noto, inoltre, la specie ittica “tonno rosso”, è soggetta a limitazioni di cattura per preservarne la specie: in particolare la pesca sportiva ne consente la cattura solo in un breve periodo dell’anno e soltanto previa specifica autorizzazione.

Nell’ambito dei numerosi controlli effettuati su autoveicoli, su uno di essi sono stati rinvenuti due esemplari di tonno rosso del peso, rispettivamente di 35 e 45 kg, che è stato sottoposto a sequestro, unitamente alle attrezzature utilizzate per la cattura. Ai due pescatori abusivi, originari della provincia di Reggio Emilia, sono state comminate sanzioni per circa 8000 euro.

Lascia un commento