A Trieste la festa entra nel vivo: Aperto il Villaggio Barcolana più grande della storia

Una splendida giornata di sole ha fatto da cornice, a Trieste, all’apertura del Villaggio Barcolana. Mentre gli iscritti, alle 18, hanno superato quota 1260, oggi la festa è entrata nel vivo con tanta gente a passeggiare lungo le Rive in quello che è il Villaggio Barcolana più grande di tutti i tempi. In mare, intanto si sono disputate Barcolana Rema e il match race dimostrativo ACI Cup con due imbarcazioni FARR80. A terra, nel pomeriggio, è stato inaugurato lo spazio libri di Piazza Barcolana, dove da domani prenderà il via Barcolana di Carta con la presentazione dei libri di Erri de Luca e Pietro Grossi curata da Feltrinelli. E ancora, sempre domani, “Engineering the Performance”, il convegno internazionale organizzato con Fincantieri e Land Rover che vede ospiti illustri nella sede della Regione del Friuli Venezia Giulia.

IL VILLAGGIO BARCOLANA 2016 – La Barcolana continua a crescere e, anno dopo anno, la sfida nel realizzare il Villaggio è sempre di più quella di coniugare la qualità per i visitatori con i sempre maggiori spazi necessari per sponsor, partner e organizzazione.

Quello 2016 è il Villaggio Barcolana più grande mai realizzato: oltre 40mila mq di superficie che ospitano 190 spazi espositivi – dai 9 ai 224 mq – e uno sviluppo lineare di oltre 1500m: ai 720 metri sulle Rive si aggiungono infatti quelli della Stazione Marittima (240 m), del Molo Audace (250) e di Ponterosso (310). I numeri però non sono tutto, il Villaggio è diventato oramai un pezzo di città e come tale ha bisogno di servizi, di attenzioni, di spazi di relazione capaci di accogliere un grandissimo numero di persone che lo vivono sempre più intensamente. Necessità che richiedono un sistema molto complesso ma che deve apparire invece molto semplice e immediato.

Questo è il terzo anno che abbiamo l’opportunità di progettare il Villaggio Barcolana – dice l’architetto Giovanni Damiani – e ogni anno facciamo tesoro di quello che ha funzionato cercando di aggiungere altre idee e di farlo progredire. Due anni fa il Villaggio ha abbracciato il mare portando gli stand anche a lato della Stazione Marittima, l’anno scorso abbiamo iniziato a far entrare sempre più il sistema dentro la città e si è finalmente aperta completamente la vista davanti a Piazza Unità, quest’anno la sfida era mettere a punto le connessioni tra le varie parti, probabilmente qualcosa di meno visibile al pubblico ma la chiave per permettere una crescita ulteriore nel tempo”.

 

L’INNOVAZIONE NEGLI STAND – La realtà virtuale ha fatto quest’anno il suo ingresso da protagonista negli stand del Villaggio Barcolana, scelta come strumento per coinvolgere e divertire i visitatori. Land Rover regala a tutti l’esperienza dell’allenamento degli atleti del suo team di Coppa America con un simulatore che, attraverso visore e timone, permette di mettersi alla prova in regata su un catamarano AC45, un’esperienza da velisti professionisti che si può arricchire salendo a bordo dello scafo della barca di Sir Ben Ainslie esposto nello stand.

Lungo il villaggio visori e cuffie si possono provare anche in altri stand, come quello del Comune di Trieste che, con tre tecnologici visori VR 360°,  fa scoprire ai turisti e agli stessi triestini gli angoli più nascosi e suggestivi della città, passando dalle rive al mare e al Carso, dalla Grotta Gigante alla torre del municipio. Anche Wärtsilä ha puntato sulla tecnologia e se di fronte allo stand dell’azienda si può ammirare un motore di quasi 2500 cavalli del peso di oltre 25 tonnellate, all’interno si possono indossare le cuffie, il casco e le lenti speciali che compongono il Virtual Service Engineer, il nuovo servizio di assistenza usato dai tecnici per intervenire da remoto nelle emergenze e guidare le persone nelle riparazioni e negli interventi tecnici più complessi.

Il cuore nautico di Barcolana si chiama Motomarine, storica azienda triestina che per l’edizione 2016 ha voluto creare uno stand di oltre 200 mq dalle pareti trasparenti per ospitare i marchi di cui è rivenditore. Non solo vela tuttavia, anche qui il pubblico viene attirato dalla tecnologia, con un divertente simulatore di pesca al tonno dove chi si sente all’altezza di reggere il “big game” potrà provare a issare a bordo la propria preda, partecipando così a un concorso a premi che si chiuderà a dicembre.

Spicca nel Villaggio Barcolana anche lo stand SLAM, luogo non solo di rappresentanza del marchio genovese ma anche, e soprattutto, il laboratorio dal quale partono i contenuti che il team SLAM produce, elabora e mette in rete live da Trieste, dal cuore della Barcolana. SLAM infatti porta a Trieste un gruppo di blogger lifestyle che proporranno un punto di vista alternativo sull’intera manifestazione.

L’innovazione di questa edizione della Barcolana accompagnerà anche i velisti in regata, sarà infatti possibile trasformare il proprio cellulare in un tracking GPS! Scaricando la App Barcolana Tracking realizzata da Trac Trac Italia e inserendo il PIN che è stato consegnato all’atto dell’iscrizione sarà possibile rilanciare la propria posizione e rivedere a fine regata la rotta seguita sul sito www.barcolana.it

Lascia un commento