LIV, a Cala Galera vittoria del CNV Argentario

Una giornata di vento molto leggero, tra i 4 e i 7 nodi, ha chiuso la Selezione di Cala Galera della Lega Italiana Vela. Sette le regate disputate oggi che hanno portato il totale nell’arco dei tre giorni a 39 match completati. Confermato il podio che si era già delineato al termine del Day 2: la vittoria è andata al giovanissimo equipaggio dei padroni di casa del Circolo Nautico e della Vela Argentario, che è riuscito con il grande affiatamento e la preparazione mirata a questo evento a difendersi dal tentativo di recupero dell’esperto team del Club Canottieri Roggero di Lauria, che ha chiuso al secondo posto davanti allo Yacht Club Italiano.

Sorpresa in classifica per il balzo in avanti del Circolo Vela Brindisi, che è passato dalla 11a posizione di ieri alla 7a finale di oggi, conquistando così l’accesso alla Finale nazionale della Lega Italiana Vela in programma a Napoli dal 27 al 30 ottobre.

In palio a Cala Galera c’erano infatti otto posti per l’atto finale della stagione 2016 della Legavela, accesso conquistato anche dal Reale Club Canottieri Tevere Remo, dal Club Velico Crotone, dalla Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana e dallo Yacht Club Gaeta E.V.S.

A rappresentare la Legavela alla cerimonia di Premiazione il Vicepresidente Esecutivo Alessandro Maria Rinaldi: “Abbiamo completato la selezione dei migliori Club d’Italia aderenti alla Legavela – ha commentato – in una tappa che ha confermato l’entusiasmo e la passione che riesce a suscitare questo format, estremamente veloce e in cui i protagonisti sono i Club con il loro spirito di squadra. Un’atmosfera coinvolgente che hanno potuto toccare con mano anche i Club alla prima partecipazione, sono sicuro – ha proseguito Rinaldi – che questa esperienza sarà di grande stimolo, in particolare per chi non si è classificato alla Finale, per prepararsi al meglio in vista della Stagione 2017. Voglio ringraziare in maniera particolare il Circolo ospitante – ha concluso – che ha fatto sentire realmente a casa propria tutti gli atleti e i presidenti dei club che erano presenti”.

Da domani occhi puntati sulla Finale di Napoli, una grande festa della vela dove verrà incoronato il primo Club campione nazionale della Lega Italiana Vela e dove, oltre al vincitore, altri Club si guadagneranno il pass per gli eventi internazionali della Sailing Champions League, che affronterà la stagione 2017 con un format rinnovato.

“Cala Galera ha dimostrato – ha dichiarato il Presidente Roberto Emanuele de Felice – che la Lega Italiana Vela e i Club che la compongono hanno la capacità e le caratteristiche per dare un importante contributo anche a livello internazionale sia all’ISLA, l’International Sailing League Association, che alla Sailing Champions League. Anche a Napoli vogliamo confermarci su questi livelli di eccellenza, con uno sguardo rivolto anche alla dimensione internazionale che questo nuovo format ha e allo sviluppo che potrà ancora avere, mettendo al centro i Club e facendoli confrontare e crescere con eventi di alto profilo sportivo”.

“Siamo orgogliosi del risultato della squadra del CNVA – ha commentato Claudio Boccia presidente del Circolo – si sono dimostrati un bel team affiatato e tecnicamente molto valido. Nel loro risultato va tenuto conto l’altissimo livello degli avversari. Questa bella vittoria è anche un bell’esempio di integrazione del Circolo con il territorio: tutti i ragazzi del team sono di Monte Argentario e Orbetello, e velisticamente sono cresciuti in queste acque. Grazie alla Legavela abbiamo potuto ospitare un evento che appoggiamo nello spirito, quello di creare team orgogliosi di rappresentare i propri Circoli di appartenenza, di alto valore agonistico”.

Durante la premiazione Gabriele Bruni, Capitano del team del Club Canottieri Roggero di Lauria nonché atleta di livello internazionale e tecnico federale di classe olimpica, ha sottolineato la qualità di questa competizione: “è un format fresco, nuovo e veloce, estremamente divertente – ha spiegato – per questi motivi ho voluto far parte in prima persona dell’equipaggio e rappresentare il mio Club. Credo che si tratti di una formula vincente, che mette al centro non i singoli atleti ma i Circoli, stimolandoli a migliorare, a sviluppare uno spirito di squadra e quindi ad investire nei più giovani per farli crescere. Credo che non sia fuori luogo – ha proposto – prendere in considerazione la possibilità di adattare in futuro questo format, coinvolgente anche per il pubblico, per i giochi olimpici”.

Tre i riconoscimenti speciali assegnati al termine dell’evento: il premio “Young Team” è andato al Circolo Nautico e della Vela Argentario, che ha schierato in acqua l’equipaggio più giovane con un’età media di 18,5 anni e composto dal timoniere Ettore Botticini e da Simone Busonero, Filippo Ambrogetti e Lorenzo Gennari. Il premio “Fair Play” è stato invece assegnato al Circolo della Vela Brindisi che ha trasformato una penalità in qualcosa che si è avvicinato più ad un “danza sul mare” di avvicinamento alla boa, non desistendo nemmeno quando ogni possibilità di evitare l’ultimo posto nel match era compromessa. Infine il premio “Glam” per lo stile è stato conquistato dal Club Velico Crotone soprattutto per la loro perfetta divisa sfoggiata in regata.

Oltre agli otto club qualificati a Cala Galera, a Napoli gareggeranno anche i club meglio classificati alle selezioni di Salò (Società Velica di Barcola e Grignano, il Circolo Canottieri Aniene, la Società Canottieri Garda e Salò, il Circolo della Vela Gargnano, il Circolo Velico Ravennate) e Porto Cervo (Club Vela Portocivitanova, Marina Militare, Yacht Club Adriaco, Aeronautica Militare e Reale Yacht Club Canottieri Savoia)

Lascia un commento