A Venezia la seconda edizione del Trofeo del Nonno

I nonni saranno i grandi protagonisti, domenica a Venezia, della seconda edizione del trofeo del nonno-DHL Laguna trasporti, regata ideata lo scorso anno da Mirko Sguario e organizzata da Il Portodimare e dallo YC Venezia.

Una regata che vuole rivendicare anche l’importanza sociale della figura dei nonni: in questa occasione dovranno essere loro al timone, dimostrando di essere ancora in grado di guidare un’imbarcazione e di reggerne il comando.

Le barche saranno ospitate nel Marina Sant’Elena e usciranno in mare nelle acque antistanti il Lido per il segnale di partenza previsto alle 13. La regata si svolgerà su percorso a triangolo da percorrere due volte se il vento lo consentirà o per un percorso lagunare se le condizioni meteo non permetteranno l’uscita in mare.

Le imbarcazioni saranno classificate in base alle dimensioni. Per la formazione dell’equipaggio non ci sono limitazioni, quello che conta è solo avere come timoniere un nonno.

La premiazione sarà nel Marina di Sant’Elena . Saranno premiati i primi classificati di ogni gruppo. Premi speciali per la barca con più nipoti e per quella composta da più nonni. Il briefing è previsto sabato, alle 19, al locale Pasta e sugo, vicino a campo San Barnaba.

All’interno della manifestazione tutto verterà sulla figura del nonno, dal giudice di regata, Franco Frizzarin, un nonno anche lui, agli sponsor Nonnonanni, le frittelle di Nonno Colussi, le Assicurazioni Generali, il locale Pasta e sugo e Alilaguna, sempre sensibile per il sociale.

Astoria creerà un abottiglia ad hoc per l’evento. Gli hotel Gritti Palace, Hilton, Cipriani, Ca’ Sagredo, JW Marriott, Danieli e i ristoranti Harry’s bar e Al Bacareto metteranno in palio per i partecipanti una cena per due.

«La manifestazione intende esaltare la figura del nonno, figura indispensabile nel contesto della società attuale – commenta Sguario che è diventato nonno da poco – dimostriamo che i nonni sono ancora capaci di portare una barca e di comandare un equipaggio».

Lascia un commento