NonSoloLui&Lei, 26 barche in gara nella regata a coppie della CdV Venezia

Grande successo per una delle “classiche” organizzate dalla Compagnia della Vela, la NonSoloLui&Lei. Una regata particolare, già dal nome,  alla quale si può partecipare solo con equipaggi composti da due  persone. Coppie che non dovevano essere, per forza, composte da un uomo  e da una donna, ma anche da due donne o due uomini. 26 le imbarcazioni  iscritte nelle tre categorie (Classe 1, 2 ed Elan) che hanno preso il  via davanti al tratto di mare fuori della bocca di porto della diga di  San Nicolò al Lido di Venezia, in tutto 52 partecipanti.

Una prova che ha visto scendere in mare giovani e meno giovani, coppie affermate e principianti e che ha regalato un bel pomeriggio di vela ai partecipanti. Ospiti della regata anche due equipaggi dello Yacht Club Santo Stefano, gemellato con la Cdv oltre che i genitori dell’olimpionica e socia Silvia Zennaro che ha presenziato alle premiazioni assieme al vicepresidente della Compagnia della Vela Emilio Vianello e al consigliere Stefano Zanchi.
Per la classe 1 Sergio Saedelli in coppia con Loretta Compagno (Yacht Club Lignano) a bordo do Tonyca hnnoa conquistato il primo posto davanti a BluX la barca condotta da Franco Zennaro e Nica Becciu genitori di  Silvia Zennaro (Circolo Nautico Chioggia) e davanti a Solaria con  Massimo Foffano e Stefan Scardellato (Lega Navale Venezia).

Nella classe 2 Hector X con Massimo Filippi e Chiara Bortolini (Cdv)  hanno vinto davanti alla coppia formata da Marco Pezzolo e Sofia Pezzolo (Portodimare) a bordo di Taz. Terzo posto per Sogno 2 con Giorgio e Pietro Cardaci (Cdv).

Nella calle Elan 210 sfide in famiglia con il primo posto per i fratelli  Saccomani Giovanni e Antonella (Cdv) davanti a Paolo e Alberto  Trevisanato (Cdv) e terzo per Jacopo Marcello e Silvia Clarkson (Cdv).

Nell’Over All primo posto per Tonyca di Saedelli/Compagno (Yacht Club Lignano) davanti a Blu X della famiglia Zennaro (Ciroclo Nautico  Chioggia) e Hector X della Cdv con Massimo Foffano e Chiara Bortolini.

Lascia un commento