Esordio positivo all’Olimpiade per Silvia Zennaro

Il meraviglioso spettacolo della vela olimpica ha fatto il suo esordio oggi a Rio de Janeiro, nella baia di Guanabara, a pochissima distanza da terra, per la XXXI edizione dei Giochi. In acqua le prime quattro classi, su un totale di dieci, che in uno scenario a dir poco strabiliante e con un vento teso che ha toccato anche i 15 nodi d’intensità, hanno fornito uno show seguito da molte persone assiepate lungo la spiaggia di Flamengo, a conferma del grande interesse che la vela olimpica riscuote in Brasile.
Due le regate disputate dal Singolo Maschile Laser Standard e dal Singolo Femminile Laser Radial, tre invece le prove archiviate dalle due flotte della Tavola RS:X, maschile e femminile.

Inizia con un segno più l’Olimpiade di Rio de Janeiro per Silvia Zennaro, l’atleta nata e cresciuta a Chioggia da un anno in forze alla Fiamme Gialle alla sua prima partecipazione olimpica.

Silvia Zennaro in regata

L’atleta chioggiotta, dopo un avvio tanto convincente quanto entusiasmante, con un decimo posto nella race 1, ha chiuso la seconda prova al 24esimo posto, piazzandosi così in quattordicesima posizione in classifica generale. Le due prove sono state vinte dall’irlandese Annelise Murphy e dalla lituana Gintare Scheidt. In testa la campionessa uscente, la cinese Xu, con terzo ed u quarto posto.

Per quanto riguarda gli altri azzurri note positive arrivano dalla tavola a vela, con Flavia Tartaglini terza dopo tre prove. Bene anche la tavola maschile con Mattia Camboni nono dopo un undicesimo, un tredicesimo ed un ottimo quarto. Nel Laser Standard Francesco Marrai occupa infine la venticinquesima posizione, frutto di un 39esimo nella prova inaugurale e di un undicesimo posto.

Esordio da dimenticare invece – nonostante le ottime anticipazioni della vigilia – per la parte mediatica della vela olimpica, con il sito di World Sailing fuori uso e con grosse difficoltà nel report dei risultati.

Domani il programma prevede altre due prove per le classi Laser Standard (uomini) e Laser Radial (donne), tre per le tavole RS:X (sia uomini che donne) e due per il Singolo per equipaggi pesanti Finn, che farà quindi il suo esordio a questi Giochi di Rio con in acqua anche l’azzurro Giorgio Poggi.

Lascia un commento