Farr 40, da Ancona per conquistare l’Europa

A distanza di tre anni dall’ORC World Championship vinto da Hurakan di Marco Serafini e del tattico Tommaso Chieffi, Marina Dorica si prepara a tornare capitale della vela internazionale. L’occasione coincide con la seconda frazione del Farr 40 International Circuit, che al vincitore dell’evento anconetano assegnerà il titolo di campione europeo di questa “storica” classe monotipo, nata da un’intuizione di Bruce Farr ormai due decenni fa.

Seppur contenuta in numero – undici gli iscritti – la flotta ormeggiata presso le banchine del più noto tra i porti turistici dell’Adriatico conta un numero di “sailing rockstars” che supera quello fatto registrare dal Mondiale ORC del 2013, quando gli equipaggi presenti furono oltre cento.

Protagonisti della manifestazione attesa al via il prossimo mercoledì saranno quattro team su tutti – Enfant Terrible-Adria Ferries del cinque volte iridato Alberto Rossi, il due volte campione mondiale Plenty di Alex Roepers, Flash Gordon 6 di Helmut Jahn, campione del mondo a Chicago nel 2012, e Struntjie Light di Wolfgang Schaefer – con Rush Diletta di Mauro Mocchegiani, secondo nell’evento di apertura andato in scena a Sebenico, indicato come outsider di talento.

E’ a bordo di questi cinque equipaggi che si concentra il meglio in fatto di velisti. Alberto Rossi, vincitore in Croazia della prima tappa del circuito 2016, potrà contare sulle chiamate di Gabriele Benussi, sei volte campione iridato – l’ultimo successo in ordine cronologico è stato quello ottenuto due anni fa a Kiel con Enfant Terrible-Minoan Lines – e sette volte continentale, e sull’esperienza di un randista come Alberto Bolzan, protagonista dell’ultima Volvo Ocean Race con Team Alvimedica. Per Alberto Rossi l’evento “casalingo” rappresenterà l’opportunità di eguagliare la figlia Claudia, semplicemente incontenibile nelle acque di Kiel dove, solo pochi giorni fa, ha vinto il titolo europeo J/70 al timone di Petite Terrible-Adria Ferries.

Ma il nome forse più importante è quello di Terry Hutchinson, plurititolato campione statunitense, già in America’s Cup con Emirates Team New Zealand, Artemis Racing, America One e Stars and Stripes e vincitore di campionati mondiali nelle classi TP52, Farr 40 e J24. Hutchinson, alto dirigente Quantum Sails, sarà al fianco di Alex Roepers a bordo di Plenty, da alcune stagioni ai vertici della classe Farr 40.

Di peso anche il tattico del competitor tedesco Struntjie Light, che dalla sua avrà il neozelandese campione iridato Star, Hamish Pepper, e quello del secondo rappresentante anconetano, Rush Diletta di Mauro Mocchegiani, che ha affidato le chiamate all’olimpionico Tommaso Chieffi, la cui victory list, dipanatasi tra America’s Cup e Volvo Ocean Race, è talmente lunga da non poter essere riassunta in semplici righe di testo.

Da non sottovalutare, poi, la “mente pensante” di Pazza Idea-Calvi Network, che al timoniere Carlo Alberini, da anni impegnato nelle principali classi monotipo, affianca il tattico sloveno Karlo Hmeljak, olimpionico a Pechino 2008 in 470 e Londra 2012 in Laser.

Come anticipato, ad Ancona si inizierà a regatare mercoledì prossimo e si continuerà fino a sabato. Dieci le prove previste, tutte valide ai fini della classifica generale: da sempre, infatti, i Farr 40 regatano senza scartare alcun risultato.

Lascia un commento