Targhe LV, chiesto l’annullamento del rinnovo

Allungare i tempi di validità del contrassegno LV per i circa 50mila natanti da diporto circolanti in laguna e nello stesso tempo spingere sulla Regione affinché trovi il modo di sbrigare anche attraverso internet la pratica del rinnovo.

A chiederlo, è Andrea Ferrazzi (Pd) con una mozione che è passata con i voti di tutti i gruppi consiliari.

Come ormai è noto entro giugno scade la proroga concessa dopo le proteste dello scorso anno per convalidare le targhe. Lo scopo di tale operazione è quello di censire l’effettivo numero di imbarcazioni circolanti, in quanto si ritiene che le barche siano molto meno.

Il guaio, per migliaia di lavoratori e diportisti, sta nella complessità della pratica, composta da due versamenti postali, a Regione e Sistemi Territoriali, una marca da bollo da 16 euro e foto della barca, oltre alla presentazione della pratica agli uffici o per raccomandata.

Non è possibile che nell’era digitale – commenta Ferrazzi – sia possibile avere on-line moltissimi servizi ben più complessi di questo e non sia possibile espletare questa pratica stando al computer.

Il consiglio comunale di Venezia, a voti unanimi ha chiesto quindi a Giunta e sindaco di attivarsi con la Regione e la Città Metropolitana per ottenere l’annullamento della durata della targa LV a 8 anni contro gli attuali 4 decisi dalla provincia a fine mandato nel giugno 2014. Inoltre si chiede che la revisione possa essere fatta on-line da parte degli utenti “senza l’aggrazio di pagare ingiustificate tariffe”.

Fonte: Il Gazzettino

 

 

Lascia un commento