Nave verso il porto di Chioggia in contromano, multa salata

È successo di nuovo. Sabato 23 gennaio una nave da carico proveniente dalla città croata di Fiume e diretta nel porto di Chioggia, ha imboccato lo schema di separazione del traffico marittimo contromano a circa 25 miglia dal porto di Chioggia, nei pressi di Punta della Maestra. Gli schemi di separazione del traffico servono per evitare collisioni e consentire il corretto andamento del traffico marittimo.

Immediato l’intervento del personale della centrale operativa della Guardia Costiera di Chioggia che ha provveduto a mettersi in contatta sul canale 16 whf di emergenza con la nave, informando della rotta pericolosa intrapresa: il comandante ha modificato immediatamente la rotta per spostarsi nella corsia di traffico corretta.

L’errore, si è scoperto, è stato causato dal mancato aggiornamento della cartografia nautica in suo possesso, che riportava un vecchio schema di separazione del traffico, addirittura antecedente all’entrata in funzione del rigasificatore di Porto Levante.

Martedì la nave è stata ispezionata, mentre il comandante è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Rovigo per la violazione delle norme per prevenire gli abbordi in mare e per l’articolo 1231 del codice della navigazione per inosservanza di norme sulla sicurezza della navigazione. A carico dell’armatore verrà elevata una sanzione amministrativa di oltre 28 mila euro.

A fine ottobre un altro mercantile aveva commesso lo stesso errore, per la stessa ragione. In entrambe le occasioni l’attento controllo esercitato dalla sala operativa della Capitaneria di porto ha evitato il peggio.

 

Lascia un commento