Una prima giornata intensa per gli Extreme 40 a Sydney

Nel giorno di apertura dell’ottavo e conclusivo Act delle Extreme Sailing Series™ 2015, supportato da Land Rover, la flotta degli Extreme 40 è scesa in acqua a Sydney, in Australia, per giocarsi il tutto per tutto.

Nel corso di una prima giornata di regate caratterizzata da numerose penalità e collisioni, in cui la flotta si è ridotta da nove a sei imbarcazioni, hanno avuto la meglio SAP Extreme Sailing Team e Oman Air, rispettivamente primo e secondo in classifica provvisoria.

Nella conferenza stampa del mattino lo skipper di Oman Air Stevie Morrison aveva lanciato la sfida dicendo che il suo obiettivo sarebbe stato quello di far sudare la vittoria a The Wave, Muscat, e, con tre vittorie e due secondi posti nella giornata odierna, Morrison ha certamente mantenuto la parola.

“Siamo riusciti a partire bene e siamo stati veloci, è stata una giornata assolutamente fantastica per noi.” ha commentato Morrison entusiasta al termine delle regate “E’ il nostro ultimo evento su un Extreme 40 quindi faremo tutto il possibile per ottenere un buon risultato e naturalmente cercheremo di impedire a The Wave, Muscat di guadagnare punti facili”.

Gli altri equipaggi non sono stati così fortunati. Il primo a pagare il prezzo della giornata è stato il team australiano 33 South Racing, centrato da Lino Sonego Team Italia in una collisione sulla linea di partenza della terza prova.

Nonostante il buco nella parte posteriore della sua barca, la skipper Katie Spithill ha caparbiemente concluso la prova con un quinto posto di tutto rispetto, prima di rientrare al bacino per le dovute riparazioni.

La classifica
act 8 extreme sailing series sydney

Lascia un commento