Festival Barcolana, tanti sport ed una sola passione: Il Mare

Un comune denominatore: la passione – tutta sportiva – per il mare. Festival Barcolana nasce per dare visibilità, valore e spazio alle discipline sportive di mare all’interno del contenitore Barcolana. “Allarghiamo gli orizzonti – spiega il presidente Mitja Gialuz – viviamo la Barcolana come un grande festival, un’occasione di divertimento, intrattenimento ed esperienze legate al mare. Così, con la collaborazione con le società sportive con le quali siamo gemellati o abbiamo avviato delle partnership operative, creiamo un evento eterogeneo, dedicato a un pubblico sempre più ampio. A Trieste tutti amano la vela e tutti amano il mare: ma la vela non esclude gli altri sport, anzi, da quest’anno si lavora insieme”.

Partono così una serie di sfide che coinvolgono le stesse aree che la Barcolana, per una volta l’anno, trasforma in spazi per lo sport. Si parte dalla Sup Cup, il 3 ottobre, evento che porterà a Trieste una delle discipline più modaiole del momento: bastano una tavola da surf e una pagaia per navigare con semplicità, lungo costa. Poi il wakeboard, disciplina inserita in Barcolana Fun anche se non c’è una vela: salti e acrobazie nel canale di Ponterosso, con una tavola da surf trainati da un verricello, saltando su un trampolino.

 

Ancora, domenica 4 Barcolana Nuota, ottobre una long distance di nuoto nel Bacino San Giusto, organizzata in collaborazione con l’Associazione Nuotamatori: si nuota per un miglio e si arriva di fronte Piazza Unità. Poi il waterpolo: la Pallanuoto Trieste celebra la sua prima stagione in serie A e festeggia in clima barcolano. E ancora, nel fine settimana della Barcolana, con la collaborazione con il Circolo Canottieri Saturnia, si svolgerà Barcolana Rema, sfida per Jole a 4 e Jole a 8 lungo la diga del Porto Vecchio, evento che coinvolgerà i canottieri triestini. Ultima appendice il trekking, che non si fa in mare ma passeggiando lungo un sentiero panoramico e che permette di vedere la Barcolana da nuove prospettive, lontano dal traffico.

Foto: emme&emme

Lascia un commento