Chioggia, a disposizione 400mila euro per lo sviluppo della nautica

Il patto territoriale di Chioggia, Cavarzere e Cona porta in città quasi 4 milioni di euro. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha ufficializzato in queste ore la disponibilità di queste importanti risorse che serviranno a concretizzare 6 progetti di particolare rilevanza nel territorio locale.

l Comune di Chioggia potrà infatti realizzare con un milione e quattrocentomila euro un parcheggio scambiatore nell’Isola dell’Unione, con ottocentomila euro l‘adeguamento igienico sanitario del mercato ittico all’ingrosso, con centosessantasettemila euro circa un camper service all’interno del parcheggio di Borgo San Giovanni e con quasi quattrocentomila euro pontili per attracco natanti in transito.

Finanziati anche con 530.000 euro i progetti dell’A.S.Po. del valore di 951.597 euro per interventi di miglioramento per il traffico commerciale e passeggeri in località Saloni, e con 450.000 euro degli interventi al mercato ortofrutticolo di Brondolo.

Questi progetti, oltre alle opere, prevedono interventi di dinamismo economico in grado di avere un impatto importante anche nel comparto turistico; di questo sono convinti gli operatori di Gruppo Turismo che salutano con particolare soddisfazione il finanziamento dei pontili per l’attracco dei natanti in transito, “È un progetto che potrebbe implementare lo sviluppo del turismo lento ma anche portare in città yacht di grandi dimensioni”, dice Marino Masiero di Chioggia Yacht Group.

Il progetto prevede la creazione di nove posti barca ad uso pubblico che significherebbero un’altro tassello importante nello sviluppo del progetto del turismo lento, da sempre uno degli obbiettivi strategici di Gruppo Turismo per qualificare l’offerta turistica della città.

Importante segnalare però che nello stesso intervento è prevista la realizzazione di 2 posti barca destinati a maxi yacht che- sottolinea sempre Marino Masiero – “potrebbero essere concessi a titolo gratuito a chi porta in città questi gioielli del mare” che potrebbero così preferire Chioggia a Venezia per una sosta turistica e tecnica.

Durante la sosta tecnica si valuta che vengano lasciati sul territorio cifre attorno ai 30 000 euro in due giorni per ripristinare l’imbarcazione tra un noleggio e l’altro, senza dimenticare che chi utilizza queste imbarcazioni sono clienti con grande capacità di spesa, i quali potrebbero portare beneficio anche alle attività commerciali del centro di Chioggia”.

Masiero sottolinea anche come Gruppo Turismo, di cui fa parte Chioggia Yacht Group, si sia messo in moto molto prima della macchina comunale per intercettare queste importanti risorse, attraverso incontri e viaggi a Roma, nel momento in cui in città, durante la giunta comunale di centrodestra guidata da Romano Tiozzo Pagio, c’era un’assenza dell’assessore al turismo per la defenestrazione dall’incarico di Malaspina a cui subentrerà più tardi Lucio Gianni.

Gruppo Turismo chiede anche che venga istituita a Chioggia la sede del soggetto responsabile del patto e offre anche la disponibilità delle proprie strutture logistiche a titolo gratuito nel caso ce ne fosse bisogno.

Non manca comunque qualche timore; aggiunge infatti Masiero: “Siamo preoccupati per il fatto che non è ancora stata fatta la conferenza dei servizi con il Magistrato alle acque, sollecitata a più riprese, per l’assegnazione degli spazi acquei al comune in riva Merlin e piazza Vigo, operazione fondamentale per far partire il progetto finanziato.”

Fonte: ChioggiaTv.it – Foto: a4plus.it

Lascia un commento